Maturità 2020, Ascani: "Un buon banco di prova per la riapertura"

webinfo@adnkronos.com

Soddisfazione, anche se un con un poco di scaramanzia perché non è ancora tutto terminato, è stata espressa dalla vice ministra all'Istruzione Anna Ascani in merito alla Maturità 2020. "Una maturità particolare che i ragazzi non vivono tutti insieme, come gli anni passati, ma scaglionati, - ha detto Ascani all'Adnkronos -. Mezzo milione di studenti la stanno sostenendo".  

"Tutto è stato pianificato al meglio, ci abbiamo lavorato molto, con protocolli di sicurezza e con i tavoli regionali, - ha aggiunto Ascani - sono stati stanziati 39 milioni di euro proprio perché l'esame si svolgesse in totale sicurezza e credo che sia un buon banco di prova per la riapertura della scuola a settembre". "Soddisfazione? Per scaramanzia aspettiamo la fine di tutto l'iter per vedere come sarà andata. Al momento sembra che si stia svolgendo tutto regolarmente. - ha chiosato Ascani -. Orgogliosi sì, di aver portato avanti una battaglia per lo svolgimento dell'esame di stato in presenza. Non era scontato. E qualcuno ci ha anche criticato per questo. Per gli studenti, però, era giusto sedersi a scuola e fare il punto di quanto vissuto. Si tratta di un passo importante che proietterà i ragazzi verso una nuova vita".