Maturità: Studenti.it, '80% maturandi non si sente preparato o teme lacune da dad'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 mag. (Adnkronos) – L'80% dei maturandi non si sente preparato o teme lacune da dad. Mentre sul futuro regna l’incertezza: il 35% di loro non sa ancora quale strada prenderà in autunno ed il 28% delle studentesse e degli studenti ha cambiato i propri piani post diploma. E' quanto emerso da un sondaggio di Studenti.it a meno di un mese dalla maturità 2021. Quarantamila ragazzi hanno raccontato come si sentono ad affrontare l’esame di Stato dopo tanti mesi in didattica a distanza, cosa faranno in estate, che programmi hanno per l’autunno.

Secondo il sondaggio, dopo la Dad l’80% dei maturandi non si sente preparato o teme di avere grandi lacune. Tra chiusure e riaperture, il 58,5% degli studenti non si sente pronto per affrontare le prove di esame, mentre il 21,5% si ritiene abbastanza preparato, ma teme le lacune causate dalla didattica a distanza. Solo il 20% è senza incertezze. Inoltre ad esame concluso il 51% delle ragazze e dei ragazzi si iscriverà all’università. Ancora incerto sulle scelte da fare, il 35%. Il 14%, invece, cercherà subito un lavoro. Per il 28% dei maturandi intervistati da Studenti.it, l'emergenza Covid ha cambiato i piani per il futuro. Il 17% ha deciso che dopo il diploma non proseguirà gli studi, il 6% ha rinunciato al sogno di studiare all’estero, il 5% non sceglierà un’università fuori sede. Per il restante 72%, invece, la pandemia non ha stravolto i piani.

Ma perché i programmi cambiano? Per il 93% degli studenti la causa è: “non so cosa accadrà da qui all’autunno”, mentre per il restante 7% è cambiata la situazione economica della famiglia. Il contesto pandemico influenza dunque anche il proprio modo di vivere l’estate. Il 33% non ha ancora definito come trascorrerà le vacanze, mentre il 21% non le farà perché quest’anno non può permettersele. Il 13% le trascorrerà con la famiglia; il restante 33% cercherà di fare un viaggio con gli amici. Nonostante i limiti della Dad, il 65% degli intervistati non si preclude la possibilità di sperimentare nuove forme di didattica a distanza. Il 20% ha dichiarato di essere favorevole alla frequentazione di corsi online anche in futuro perché la trova efficace, mentre il 45% è possibilista. Il restante 35%, invece, pensa che la didattica a distanza funzioni meno di quella in presenza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli