Maurizio Battista: ''Natale in pochi? A me basta che non viè mi socera!''

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

(di Alisa Toaff)

"A me basta che non viè mi socera poi tutti l'altri ponno entrà!". Così all'Adnkronos Maurizio Battista commenta ironico i provvedimenti annunciati dal sottosegretario alla Salute Sandra Zampa che prevedono un cenone di Natale con poche persone a tavola e solo parenti di primo grado. ''Con questa regola -scherza ancora il comico romano- si elimina la famosa frase: 'Ao', St'artranno stamo da soli, non famo venì nessuno, annamo a Sharm el-Sheikh'. Ecco, mo stai da solo, così non vedi manco tu socera e tu cognata e magari te le rimpiangi pure! Pazienza faremo una bella tombola su skype'', conclude scoppiando in una fragorosa risata.