Maxi sequestro di droga a Gioia Tauro: una tonnellata di coca

maxi sequestro droga

Gli uomini del comando provinciale di Reggio Calabria, coordinati dagli uomini del Ros e dalla Guardia di Finanza, hanno sequestrato più di una tonnellata di cocaina nel porto di Gioia Tauro. La droga è stata ritrovata nascosta in 144 imballi all’interno di un container refrigerato per il trasporto di banane. Il container proveniva dal Sud America e sarebbe stato destinato alla Germania per un ricavo di 250 mila euro.

Maxi sequestro di droga

L’attività investigativa è frutto, da un lato, delle risultanze della cooperazione internazionale di Polizia assicurate dalle componenti dell’Arma. Dall’altro, di una convergente e approfondita analisi di rischio effettuata dai finanziari doganali sull’intero carico trasportato dalla portacontainer approdata nel porto di Gioia Tauro a seguito del quale è stato selezionato un ristretto numero di box per i quali veniva riconosciuto un possibile rischio di contaminazione” recita una nota dei Carabinieri. Il quantitativo di droga, ingente, è stato scoperto grazie alla scansione radiogena eseguita con l’ausilio di sofisticate attrezzature in dotazione all’Agenzia delle Dogane che ha collaborato al maxi sequestro. L’indagine ha inoltre permesso di confermare la centralità del porto di Gioia Tauro come snodo dei grandi traffici di stupefacenti.

Due tonnellate in un anno

I carabinieri hanno poi voluto porre l’accento sul sistema di controllo preventivo e di analisi del rischio “che rimane strategico nelle rotte dello stupefacente. Sistema – recita la nota – che ha consentito alla Guardia di finanza e all’Agenzia delle Dogane di sequestrare, solo nell’ultimo anno, oltre due tonnellate e mezzo di cocaina“.