Maxifrode fiscale e riciclaggio, 14 misure cautelari a Bologna

Red/Nav

Roma, 12 mar. (askanews) - I militari del Comando Provinciale della Guardia di finanza di Bologna, su disposizione del gip Sandro Pecorella, stanno eseguendo, in 8 Regioni (Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto, Marche, Abruzzo, Sardegna e Lazio), un'ordinanza di applicazione di misure cautelari personali e reali nei confronti di 14 persone a vario titolo indagate per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti fallimentari, fiscali, riciclaggio e autoriciclaggio.

Il provvedimento, in particolare, dispone la sottoposizione agli arresti domiciliari di 5 persone mentre altre 9 risultano destinatarie di una misura cautelare interdittiva del divieto di esercitare uffici direttivi di persone giuridiche e imprese, oltre al sequestro preventivo, anche nella forma per equivalente, di beni mobili e immobili per circa 65 milioni di euro. L'indagine, coordinata dal Sostituto Procuratore Michela Guidi e condotta dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bologna, trae origine dall'approfondimento investigativo delle vicende societarie di un'azienda di Budrio (BO), ora fallita, che si appurava essere stata utilizzata anche per la creazione di crediti tributari falsi. (Segue)