Mazda MX-30 Concept, anteprima dell'elettrica che debutta a Tokyo

redazione@motor1.com (Fabio Gemelli)
Mazda MX-30 Concept, il rendering

E' la prima auto a batteria Made in Hiroshima e ha la forme di un SUV compatto, stando alle prime foto non ufficiali

Ancora manca la formalità del nome e delle ufficiali, ma la prima auto elettrica di Mazda prende il nome di MX-30. L'informazione arriva da un rendering realistico apparso sulla rivista giapponese CarTop magazine e che ha iniziato a fare il giro del web. Il suffisso Concept ci ricorda che questa Mazda MX-30 Concept è un modello molto vicino a quello di produzione: quello di serie è atteso sul mercato a metà del 2020.

Il debutto ufficiale è invece fissato per il 23 ottobre al Salone di Tokyo e Motor1.com è lì per raccontarvela da vicino con video e articoli dal Giappone.

Piccole portiere controvento

Come mostra chiaramente questa inaspettata immagine della Mazda MX-30 Concept ci troviamo di fronte ad una SUV coupé dalle linee filanti, ancora più  sportiva della recente CX-30. A rendere il tutto ancora più curioso e interessante è poi la forma del frontale con mascherina incassata e soprattutto la presenza di una piccola portiera posteriore ad apertura controvento come sulla Mazda RX-8.

Nel nome la sportività del SUV coupé

Il nome MX-30 sembra mettere assieme la tradizione sportiva della sigla "MX" usata sulla mitica MX-3 e su altre concept degli ultimi anni con il 30 della citata CX-30. Una nuova evoluzione del design Kodo che ha già visto le linee delle auto di Hiroshima seguire percorsi inediti, come nel caso della nuova Mazda3. Curioso è poi il trattamento del posteriore con tetto e lunotto molto spiovente e con vernice bicolore.

Mazda elettrica e le altre novità da Hiroshima

Elettrica o range extender

Ricordiamo che, sulla base anche delle informazioni raccolte durante la nostra video prova in anteprima della Mazda elettrica, la MX-30 di serie avrà una batteria agli ioni di litio con capacità da 35,5 kWh, un motore elettrico da 143 CV (105 kW) e 256 Nm, un caricatore di bordo da 6,6 kW e un'autonomia a zero emissioni di oltre 200 km. Per chi vorrà percorrere più strada ci sarà poi una versione range extender con motore rotativo Wankel a benzina che ricarica la batteria prima che questa si scarichi completamente.

Scopri tutte le novità del Salone di Tokyo 2019