McDonald’s vieta il cibo ai clochard, poi si scusa

 

McDonald’s France torna sui suoi passi dopo lo spiacevole episodio avvenuto negli scorsi giorni, nel suo ristorante di Hyères, nel Var. La sera dello scorso 25 luglio due clochard sono stati omaggiati di cibo da parte di un dipendente del punto vendita della Costa Azzurra. L’iniziativa non è stata affatto gradita dalla direzione che alcuni giorni dopo ha esposto un avviso nel quale ha fatto presente, con chiarezza la propria posizione sulla questione: “In seguito all’incidente della sera del 25/07, è formalmente proibito di procurare del cibo ai clochard. Si ricorda che i pasti dei dipendenti devono essere consumati sul posto. Il pasto dei dipendenti è un benefit di natura personale e ne deve fruire il salariato in questione”.

In seguito il tono dell’avviso si è fatto ancora più minaccioso, non senza sarcasmo: “McDonald’s non ha la vocazione a nutrire tutti gli affamati del territorio! Ogni infrazione alla procedura citata precedentemente porterà a una sanzione che potrà arrivare fino al licenziamento”.

L’associazione 60 millions de consommateurs ha dato ampio spazio alla vicenda sul proprio sito che rappresenta un punto di riferimento per i consumatori francesi. La storia proveniente da Hyères getta sale sulla ferita ancora aperta di un altro caso che qualche mese fa ha fatto discutere l’opinione pubblica francese, quello dei detersivi sparsi volontariamente sul cibo gettato nei cassonetti adiacenti agli ipermercati, per evitarne il recupero da parte dei senzatetto.

C’è voluto qualche giorno e ieri, mercoledì 12 agosto, McDonald’s France ha presentato le proprie scuse. Affermando di avere agito per “prevenire incidenti e preservare la sicurezza dei suoi clienti”, l’azienda ha ammesso che la formula con cui è stato redatto l’avviso si è rivelata maldestra e “la direzione del ristorante ha rapidamente ritirato l’avviso”.

“McDonald’s si unisce al ristorante per presentare le sue scuse a tutti quelli e quelle che possono essere stati choccati da questo avviso e ricorda che il marchio ha vocazione a servire tutti i suoi clienti, senza alcuna distinzione” ha concluso McDonald’s France che, sollecitata da 60 millions de consommateurs sulla possibilità o meno per i suoi dipendenti di “condividere gli hamburgher gratuiti con i bisognosi”, non ha fornito alcun tipo di risposta.

“Il sorriso delle persone alle quali ho donato il mio pasto non aveva alcun prezzo. Il mondo non gira nel modo giusto” si è limitato a commentare il generoso dipendente che ha aiutato i due senzatetto. 

 

 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli