Mcl: Costalli, 'recuperare ruolo rappresentanza corpi intermedi'

webinfo@adnkronos.com

Per rispondere in maniera più incisiva agli effetti della crisi economica che ha investito l’Italia occorre puntare anche alla riscoperta e rivalutazione dei corpi intermedi. Ne è convinto il presidente del Movimento cristiano lavoratori Carlo Costalli, che ha riunito a Senigallia per il seminario di studi e formazione, circa cinquecento dirigenti provenienti da tutta Italia.  

“La difficile situazione economica non è dipesa solo dalla crisi e dall’accentuarsi del potere economico ma anche dai ritardi e dalle inadempienze della classe dirigente. La politica soffre di un grave deficit di progettualità e di fronte alla necessità di avviare investimenti in infrastrutture e in una solida politica industriale, la risposta del Governo è stata insufficiente”, ha detto Costalli.  

Ed è proprio all’interno di tale situazione difficile e confusa che i corpi intermedi possono tornare ad affermare la loro importanza, “per impedire il protrarsi della stagnazione economica. Questi attori, tuttavia, devono sapersi rinnovare, approfondire il valore della democrazia e della partecipazione e diventare forza sociale indispensabile. Solo così - ha proseguito Costalli - si potrà orientare la politica economica verso la tenuta sociale, rianimare il confronto politico al fine di recuperare pienamente il ruolo della rappresentanza democratica ed impedire la decadenza delle classi dirigenti”.  

Il tutto, ha detto ancora Costalli, “per puntare alla creazione di un nuovo modello di democrazia sociale, capace di affermare compiutamente i processi di inclusione sociale ed arginare la sgradevole sensazione che si voglia costringere la società civile e così pure il Terzo Settore al guinzaglio”.  

Il Seminario, iniziato ufficialmente ieri 6 settembre (i lavori sono stati preceduti, giovedì pomeriggio, da una sessione interamente dedicata ai giovani), alla presenza, tra gli altri, di Sua Eminenza Cardinale Matteo Zuppi, Arcivescovo Metropolita di Bologna, si sono conclusi con l’ultima sessione di questo pomeriggio, sul tema: “Educare al bene comune”, con gli interventi di Paolo Cesana, Direttore della Fondazione Luigi Clerici, di Emmanuele Massagli, Presidente Adapt, e di Carlina Valle, vicepresidente nazionale Mcl.