Mea culpa svedese. Lo stratega di Stoccolma: "Dovevamo imporre più restrizioni"

Sacha Malgeri
(Photo: JONATHAN NACKSTRAND via Getty Images)

Anders Tegnel, l’epidemiologo che coordina le strategie sul contenimento del coronavirus in Svezia, ha ammesso che ci sono stati “troppi morti” e che sarebbe stato meglio adottare delle misure più restrittive. “Se ci trovassimo ancora di fronte alla stessa malattia e con le conoscenze di cui disponiamo ora, credo che la nostra risposta sarebbe a metà strada tra quello che ha fatto la Svezia e quello che ha fatto il resto del mondo”.

In un’intervista telefonica, Tegnel ha ammesso: “Chiaramente, c’è un margine di miglioramento rispetto a quanto fatto dalla Svezia”. La Svezia ha una media di 43 decessi per 100mila abitanti.Nella giornata di ieri sono morte altre 65 persone per la pandemia da Covid-19, portando la cifra provvisoria dei morti a 4.468. Il bilancio dei contagi si aggira intorno ai 38.500. 

 

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.