Meda, 'Eicma 2022 già un successo, il punto di forza? La nostra community'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 2 nov. (Adnkronos) – Esposizione, fiera, evento. Chiamatelo come vi pare, ma il Salone della moto di Milano continua a crescere, macina numeri su numeri ritoccandoli al rialzo e il presidente di Eicma, Pietro Meda, ha deciso di farne calcolare il valore da una società specializzata. Quest'anno l'edizione 2022 che aprirà i battenti negli spazi di Rho-Fiera è riuscita a coinvolgere 1300 brand di 43 nazioni, il 20% di questi sono alla prima partecipazione. Ed Eicma 2022 si prepara così a battere nuovi record.

''il Salone della moto -dice Meda all'Adnkronos- è il più importante al mondo, ma questo non solo perchè è l'esposizione capace di attirare più pubblico e operatori. il nostro maggior punto di forza è la nostra community. Eicma è stata capace di fondere la parte industriale con quella del pubblico e oggi rappresenta tutto il popolo della passione delle due ruote. Moto e bici''.

Ad attirare i riflettori internazionali su questa esposizione è anche l'approccio. ''piace il nostro modello. Non facciamo solo vedere le moto o le bici, le facciamo vivere. il pubblico può toccarle, salirci sopra, eppoi abbiamo un'area esterna con live show tutti i giorni. Eicma è particolare perchè ci riteniamo una proprietà delle case e della passione del pubblico''. Per questo è stato deciso per quest'anno nonostante l'inflazione di non ritoccare i prezzi. ''Come azienda -spiega Meda- per consentire una partecipazione serena sia degli espositori che del pubblico abbiamo deciso di neutralizzare quelli che sono gli aumenti derivanti dal costo della vita, della gas e dell’elettricità. Li abbiamo sostenuti completamente noi e quindi quest’anno possiamo dire di aver fatto questo regalo al pubblico e agli espositori che sono i nostri giudici e i nostri sponsor più grandi. Il prezzo per gli espositori è rimasto invariato rispetto al 2019 e il prezzo al pubblico del biglietto è rimasto totalmente invariato sia rispetto al 2019 che rispetto al 2021. Lo ritenevamo doveroso''.

Un modello di business che il presidente Meda ha deciso ora di far valutare. ''Per ora -spiega- si può dare un dato economico di tutti gli eventi legati alle due ruote del 2019 che è di 340 milioni. Di questi 340 milioni Eicma ricopre sicuramente un ruolo da protagonista e siamo in primo piano. Proprio per questo abbiamo affidato a una società specializzata uno studio specifico per capire esattamente che cosa muove a livello economico l’esposizione non solo per la città di Milano e per la Lombardia, ma per tutta l’Italia''.

Intanto gli indicatori sono al rialzo. ''Sì -dice- abbiamo numeri più forti e credo derivino anche dall'ottimo lavoro fatto nelle edizioni precedenti. Devo ammettere che tutto il comparto ci ha dato una grande mano. Si è ripresentato in forze addirittura ampliandosi. Basti pensare che per il 20% dei 1300 brand provenienti da 43 nazioni, presenti a Eicma 2022, questa è la prima partecipazione. Non posso dare ancora i numeri della biglietteria perchè non li conosciamo, ma gli indicatori ci stanno dicendo che, un po' a distanza, guardiamo il record.''.