**Mediaset: ok governo a norma anti-scalata, no 'salva-Berlusconi' ma tutela aziende italiane**

·1 minuto per la lettura
**Mediaset: ok governo a norma anti-scalata, no 'salva-Berlusconi' ma tutela aziende italiane**
**Mediaset: ok governo a norma anti-scalata, no 'salva-Berlusconi' ma tutela aziende italiane**

Roma, 6 nov. (Adnkronos) – Ci sarebbe accordo nella maggioranza, trasversale, ma anche il timore che la norma 'anti-scalata' Vivendi, che sembra voler evitare -dopo la sentenza della Corte di giustizia Ue che ha 'bocciato' la legge Gasparri- l'assalto dei francesi alla roccaforte italiana Mediaset, passi come una mano tesa a Silvio Berlusconi. Tanto più in un momento in cui Fi appare l'unica voce dialogante in un'opposizione costantemente sulle barricate. La misura anti-scalata già oggi potrebbe essere sul tavolo del Cdm, parte integrante del dl ristori bis. O, alle brutte, diventare un emendamento del governo al primo decreto ristori, quello in discussione alla commissione Affari costituzionali del Senato.

Il ministero dello Sviluppo economico, in particolare, starebbe accelerando per vedere approvata la misura in tempi stretti, ovvero prima della sentenza del Tar cui spetta dare attuazione alla pronuncia della Corte di Giustizia europea che, di fatto, dava ragione ai francesi. L'accordo nel governo per approvare una misura che 'passi la palla' all'Agcom sarebbe unanime, ma c'è chi, soprattutto tra i 5 Stelle, teme che la norma anti-scalata possa esser letta come una mano tesa a Silvio Berlusconi.

In realtà, assicurano fonti di governo all'Adnkronos, "è una misura che nasce per tutelare le aziende italiane, una sorta di golden power estesa alle telecomunicazioni, tanto più in una fase così critica per l'Italia che le nostre aziende rischiano di diventare facile preda di appetiti stranieri. Berlusconi o no, questo vale anche per il Biscione".