Medicina: nasce a Napoli Healthtech Innovation hub, innovazione per la salute

·2 minuto per la lettura
Medicina: nasce a Napoli Healthtech Innovation hub, innovazione per la salute
Medicina: nasce a Napoli Healthtech Innovation hub, innovazione per la salute

Napoli, 10 nov. (Adnkronos Salute) – Promuovere l'innovazione e la crescita nel settore Healthcare in Italia per migliorare la salute dei cittadini e creare opportunità per i giovani e le imprese. Nasce con quest’obiettivo HealthTech Innovation hub (Hi), polo dedicato allo sviluppo di tecnologie per la salute presso il Centro servizi metrologici e tecnologici avanzati (CeSMA) del Complesso universitario San Giovanni a Teduccio, a Napoli. L’hub nasce dalla collaborazione tra l’Università Federico II di Napoli e Medtronic Italia.

"La pandemia Covid-19 ha accelerato tutte le trasformazioni in atto, ribadendo l'importanza della centralità della cura e dell'assistenza come temi chiave per lo sviluppo del Paese – riferisce Medtronic in una nota — ed HealthTech Innovation hub nasce per rispondere a queste sfide, creando un'ecosistema di conoscenza aperta e condivisa che includa i giovani neolaureati, i centri di ricerca, le imprese e il territorio con l'obiettivo di accelerare l’innovazione al servizio della salute delle comunità, creando opportunità e occupazione".

L’hub offrirà una serie di servizi per la formazione e di supporto alle imprese, start up o già avviate. Il campus è munito di uno spazio fisico adibito allo scambio di esperienze e competenze tra imprese campane ed esterne alla regione, ma anche ad aziende straniere interessate e operanti nell’ambito del medtech. Tra i primi progetti di Healthtech Innovation hub prende il via in questi giorni il master 'Make' (Medtronic Advanced Knowledge Experience) Napoli, un percorso formativo per laureati in materie scientifiche ed economico-sociali e residenti nel Sud Italia.

Il master è incentrato sullo studio e la pratica delle tecnologie per la salute e finalizzato a sviluppare le competenze per affrontare le nuove sfide della medicina dopo la pandemia del Covid-19. "Abbiamo creduto fortemente in questo progetto perché la qualità clinica del nostro Paese non arrivava più sul mercato, durante la pandemia abbiamo notato che l'Italia stava perdendo la capacità di tradurre l’ingegno in impresa – ha spiegato Michele Perrino, presidente e amministratore delegato di Medtronic Italia – mentre è importante avere un settore medtech sviluppato, per l'occupazione e per la crescita ma anche in funzione strategica, per non dipendere da altri in questo momento storico delicato: il nostro è un progetto di responsabilità sociale".