Medico rimane paralizzato, attutì la caduta di un aspirante suicida

medico-paralizzato-caduta-suicida

Arriva dal Regno Unito la triste storia di un medico rimasto paralizzato dopo aver attutito con il proprio corpo la caduta di un suicida dal terzo piano di un centro commerciale. L’episodio avvenne poco più di un anno fa, il 17 ottobre del 2018, ed ebbe per protagonista la 22enne Grace Spence Green, medico tirocinante che subì una frattura della schiena dopo che gli precipitò addosso il corpo di Amsumana Sillah Trawally da un’altezza di 36 metri. Da allora la ragazza vive su una sedia a rotelle mentre l’uomo se l’è cavata con una gamba rotta ed’è stato incarcerato per l’accaduto soltanto la settimana scorsa.

Medico paralizzato, attutì caduta di un suicida

La 22enne Green, che prima dell’incidente era appassionata di arrampicata, si trovava presso il centro commerciale Westfield, nella cittadina di Stratford. Proprio nel centro commerciale stava per iniziare una lezione in cui avrebbe insegnato arrampicata a dei bambini, ma purtroppo il destino aveva piani diversi per lei.

Da qualche ora infatti, il 25enne Amsumana Sillah Trawally stava scegliendo un posto ottimale da cui saltare, finendo poi con l’atterrare proprio sul corpo della giovane dottoressa. Nel processo a suo carico, numerosi testimoni hanno confermato come Trawally sia stato ben quattro ore e mezza all’interno del centro commerciale comportandosi in maniera alquanto bizzarra.

Le parole dell’avvocato della ragazza

Nel commentare la sentenza di incarcerazione di Trawally, giunta la scorsa settimana, l’avvocato della ragazza Terrence Donovan ha commentato: “Lei trova molto difficile parlare di lui, ma ha una visione straordinaria del fatto che, nonostante sia rimasta paralizzata, è riuscita comunque a salvare una vita. Anche se era paralizzata, accetta il bene più grande e non prova rancore nei suoi confronti. Trova tuttavia molto difficile pensare a ciò che lo ha motivato a lanciarsi“. L’avvocato ha però precisato come la Green stia valutando di intentare una causa civile nei confronti del centro commerciale.