Mediterraneo: variabilità stagionali più marcate nel clima futuro -2-

Red/Nes

Roma, 27 set. (askanews) - "In accordo con le indicazioni dell'archivio fossile, le simulazioni dell'evoluzione climatica indicano un'intensificazione autunnale della formazione di cicloni durante i periodi interglaciali. Effetto molto probabilmente imputabile al significativo riscaldamento estivo della superfice del mare, dovuto all'espansione della zona di convergenza intertropicale, con conseguente spostamento e prolungata permanenza estiva dell'alta pressione nord-africana sul Mediterraneo. Un fenomeno simile alle "ondate di calore" che di recente si stanno verificando sempre più frequentemente sul nostro paese", conclude Giaccio. "Sebbene dovuti a fattori diversi (aumento dell'insolazione estiva dell'emisfero boreale guidato da fattori astronomici, nel caso degli antichi interglaciali; aumento della concentrazione dei gas serra legato all'attività umana, nel caso dell'attuale riscaldamento), gli effetti sulla quantità e distribuzione delle precipitazioni nel Mediterraneo, osservati nell'archivio fossile, potrebbero verificarsi anche come conseguenza dell'attuale tendenza di riscaldamento globale".

I risultati di questo progetto sottolineano il valore dello studio combinato di archivi fossili e modelli climatici, dai quali è possibile estrarre importanti informazioni sulla dinamica del clima del passato, per una migliore comprensione dei cambiamenti in atto e definizione dei possibili futuri scenari.