Medvedev contro Macron, Scholz e Draghi: le sue parole

Medvedev Macron Scholz Draghi
Medvedev Macron Scholz Draghi

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev torna a scagliarsi contro l’Occidente. Nel mirino questa volta è finita la visita a Kiev di Macron, Scholz e Draghi.

Medvedev contro Macron, Scholz e Draghi

“I fan europei di rane, salsicce di fegato e spaghetti” visitano Kiev “con zero utilità. È il nuovo attacco che Medvedev ha espresso nei confronti di Draghi, Scholz e Macron arrivati nella Capitale ucraina. Per Medvedev i leader Ue prometteranno all’Ucraina “l’adesione all’Ue e vecchi obici, si leccheranno i baffi con l’horilka” e torneranno nei propri Paesi in treno, “come 100 anni fa”. Quindi ha aggiunto: “Tutto va bene. Ma non avvicinerà l’Ucraina alla pace. Il tempo scorre”.

Solo un giorno prima scriveva: “Chi ha detto che tra due anni l’Ucraina esista ancora sulle mappe mondiali?”. A suscitare polemiche erano state anche le sue parole d’odio contro l’Occidente, non velate ma espresse senza mezzi termini. “Li odio. Sono dei bastardi e degenerati. Vogliono la nostra morte, quella della Russia. Finché sono vivo, farò di tutto per farli sparire”, aveva detto l’ex presidente.

Dopo le sue accuse rivolte ai leader europei, non sono arrivate repliche, ma la polemica è ormai avviata.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli