Medvedev domina Djokovic in finale agli Us Open, sfuma per il serbo l'impresa Grande Slam

NEW YORK, NEW YORK - SEPTEMBER 12: Novak Djokovic of Serbia returns the ball against Daniil Medvedev of Russia in the first set of the Men's Singles final match on Day Fourteen of the 2021 US Open at the USTA Billie Jean King National Tennis Center on September 12, 2021 in the Flushing neighborhood of the Queens borough of New York City.  (Photo by Matthew Stockman/Getty Images) (Photo: Matthew Stockman via Getty Images)
NEW YORK, NEW YORK - SEPTEMBER 12: Novak Djokovic of Serbia returns the ball against Daniil Medvedev of Russia in the first set of the Men's Singles final match on Day Fourteen of the 2021 US Open at the USTA Billie Jean King National Tennis Center on September 12, 2021 in the Flushing neighborhood of the Queens borough of New York City. (Photo by Matthew Stockman/Getty Images) (Photo: Matthew Stockman via Getty Images)

S’infrange all’ultimo match il sogno di Novak Djokovic di completare il Grande Slam 52 anni dopo Rod Laver: la finale degli Us Open la vince il russo Daniil Medvedev, numero due del mondo che supera il serbo in tre set 6-4 6-4 6-4, e si aggiudica il primo Slam della sua carriera. Le lacrime di Nole, acclamato dal pubblico dell’Arthur Ashe, al cambio campo sul 4-5 del terzo set, sono l’immagine simbolo di questo match, come la racchetta distrutta dopo l’ennesimo errore.

Da un lato c’è un Djokovic nervosissimo, imbrigliato dall’emozione di quel traguardo storico, dall’altro c’è un Medvedev che non sbaglia praticamente nulla. Il russo non concede nulla al serbo, demolendogli il sogno a colpi di racchetta vincendo il primo Slam della sua carriera in un Arthur Ashe completamente schierato per Djokovic.

È la prima volta che uno dei migliori esponenti della nuova generazione vince uno Slam contro un Fab Four. “Per me sei il migliore di sempre”, ha commentato il russo a fine gara rivolgendosi a Djokovic che a sua volta si è congratulato con il vincitore: ”Splendida partita e splendido torneo, se c’era qualcuno che meritava un titolo Slam sei tu - le parole del serbo - Prima della partita pensavo a cosa avrei detto sia se avessi vinto sia se avessi perso: anche se non ho vinto il mio cuore è pieno di gioia, mi avete fatto sentire speciale. Avete toccato il mio animo, a New York non mi ero mai sentito così mi avete incoraggiato. ci rivediamo presto”.

In tribuna c’era Rod Laver, l’ultimo a completare il Grande Slam nel 1969, un record, che rimane all’australiano.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli