Meeting Cl 2020: privi di meraviglia restiamo sordi al sublime

Pat

Rimini, 24 ago. (askanews) - L'edizione numero 40 del Meeting per l'amicizia fra i popoli a Rimini ha invitato a riflettere sullo sguardo, sulla "capacità di fissare" le persone e le cose per lasciare spazio allo stupore e quindi per conoscere in profondità. Per il prossimo anno, invece, gli organizzatori hanno puntato l'attenzione sull'ascolto. "Privi di meraviglia, restiamo sordi al sublime": è questo il titolo scelto per l'appuntamento di Comunione e liberazione che si terrà a Rimini da martedì 18 a domenica 23 agosto.

Per la 41esima edizione è stata scelta una frase di Abraham Joshua Heschel, rabbino e filosofo polacco che a metà del secolo scorso - nel suo libro "Dio alla ricerca dell'uomo" - ha criticato la società americana di allora, fortemente orientata verso una totale indifferenza per le questioni profondamente umane e religiose. Indifferenza dovuta alla mentalità tecnocratica, ricca di superficialità e capace di produrre solo una visione mediocre dell'umano. (segue)