Megalizzi, Piccoli Nardelli (Pd): dovere custodire memoria

Pol-Afe

Roma, 1 ott. (askanews) - "E' impossibile in questa occasione di non parlare del suo impegno di studente, giornalista, sostenitore appassionato dei valori europei. Il Partito democratico sostiene questa mozione per diversi ordini di motivi: in primo luogo il dovere di custodire la memoria di Antonio, con molteplici iniziative sia a livello europeo dove si è intitolata la sala radio del Parlamento europeo di Strasburgo a suo nome e del suo amico e collega polacco, sia a livello nazionale quando l'ordine dei giornalisti gli ha conferito il tesserino da giornalista iscrivendolo con la data dell'11 dicembre 2018, il giorno dell'attentato, fino alle università che hanno deciso di sostenere il progetto radiofonico di Eurofonica il programma radio che unisce le università europee, ed infine a livello locale dove è nata la Fondazione Antonio Megalizzi che ha cominciato a maggio scorso la sua attività di formazione e informazione nelle scuole e nella società. La nostra iniziativa si va ad aggiungere a queste già avviate con la forza densa di significato di una mozione condivisa da tutto il Parlamento italiano, capace di superare le differenze di parte. In secondo luogo sosteniamo questa mozione per il valore pedagogico del suo impegno. E ancora ma non da ultimo per la condivisione dei valori europei che Antonio Megalizzi sosteneva. Antonio cercava di capire l'Europa perché l'Europa è la dimensione fisica e ideale in cui i giovani di oggi si muovono e di cui si sentono pienamente cittadini. I viaggi a Bruxelles e Strasburgo e i viaggi fatti senza risorse finanziarie ma con la solo forza delle idee sono alcuni degli aspetti di un giovane giornalista che ha perfettamente incarnato i valori espressi nell'articolo 21 della nostra Costituzione, quelli della stampa libera e del diritto di cronaca e della sua proiezione europea, l'articolo 11 della Carta di Nizza in cui si tutela il diritto all'espressione e all'informazione. Per questo la commissione Cultura di Montecitorio a marzo scorso firmò la mozione che oggi discutiamo in quest'Aula". Lo dichiara in Aula la deputata Pd, Flavia Piccoli Nardelli, esprimendo voto favorevole alla mozione per onorare la memoria di Antonio Megalizzi.