Meghan Markle: "Quando incontrai Harry mi avvertirono: i tabloid ti distruggeranno. Sopravvivo, non vivo"

HuffPost

“Quando ho incontrato per la prima volta il mio attuale marito, i miei amici erano davvero contenti per me, perché mi vedevano felice. Ma mi hanno subito avvertito: ‘I media britannici ti distruggeranno’”. A parlare è Meghan Markle, in un’intervista rilasciata per il documentario ITV dedicato a lei e il principe Harry. La duchessa di Sussex ha parlato al conduttore Tom Bradby, amico di lunga data di Harry, degli avvertimenti che le persone intorno a lei le davano nei mesi precedenti al matrimonio con il principe. Avvertimenti che si sono poi concretizzati nella realtà. A riportare le anticipazioni dell’intervista è il Guardian

La duchessa ha confessato di aver vissuto un anno molto difficile e ha rivelato di non avere mai avuto idea di tutto ciò che avrebbe dovuto affrontare dopo il matrimonio. “Quando i miei amici mi hanno avvertito sui rischi che avrei corso ho pensato ingenuamente che non avessero alcun senso le loro parole. Non avevo capito nulla, per questo è stato poi molto complicato per me” ha spiegato Markle. 

La duchessa di Sussex ha rilasciato l’intervista a ITV durante il tour in Africa, quando aveva annunciato che avrebbe fatto causa al DailyMail perché, a suo parere, aveva pubblicato illegalmente una lettera privata che Markle aveva inviato al padre Thomas Markle. Al conduttore Tom Bradby la duchessa ha rivelato che il periodo più complicato per lei è stato quello seguito alla nascita del figlio Archie. “Avrei tanto voluto passare dietro le quinte” - ha confessato la principessa con gli occhi lucidi - Non ho mai pensato che sarebbe stato facile, ma ho sempre pensato che mi avrebbero rispettato, perché era giusto. È stata questa la cosa che ho fatto davvero fatica a digerire”. 

Markle ha rivelato di non saper affrontare una così grande pressione mediatica e di non riuscire a vivere in modo sereno la propria vita:  “Ho sempre detto a Harry che in questo mondo non è sufficiente sopravvivere. Non è questo il...

Continua a leggere su HuffPost