"Meglio il carcere che a casa con mia moglie"

webinfo@adnkronos.com

Esasperato dalla moglie, evade dagli arresti domiciliari e si presenta in Commissariato. "Meglio il carcere che stare a casa con mia moglie! Lavo, stiro e tutto quello che succede in casa è sempre colpa mia" avrebbe detto un 49enne romano agli agenti della Polizia del commissariato Colombo, a Roma. Pur di evitare gli incessanti litigi con la moglie, ha preferito violare l’ordine disposto dall’Autorità Giudiziaria. 

Arrestato per evasione e giudicato non punibile per particolare tenuità del fatto, lo stesso ha pregato di non scontare gli arresti presso la propria abitazione: richiesta accolta con trasferimento presso una Associazione Onlus.