Mehmet Emin Özkan, innocente, in carcere da 25 anni, sta percorrendo il suo “miglio verde”

·2 minuto per la lettura
Hp (Photo: Hp)
Hp (Photo: Hp)

Mehmet Emin Özkan ha 83 anni ed è in carcere da ben 25 anni, da quando è stato condannato all’ergastolo aggravato per un crimine che non ha commesso.

Gravemente ammalato, rinchiuso nel famigerato penitenziario di massima sicurezza diDiyarbakır, in una cella di tipo D destinata ai prigionieri politici, l’anziano Özkan sta percorrendo il suo “miglio verde”.

È dietro le sbarre ridotto ad una larva umana con cinque attacchi di cuore patiti, affetto da Alzheimer, da aneurisma, pressione alta, gozzo, disturbi renali e intestinali e ora non sente, non vede e non deambula.

Non potendo soddisfare i suoi bisogni personali, il suo amico di cella lo aiuta.

La famiglia di Mehmet Özkan chiede solo che il suo congiunto possa trascorrere i suoi ultimi giorni in pace.

Sei anni fa le immagini di Özkan in manette nel suo letto di ospedale durante uno dei suoi sette ricoveri avvenuti in soli dieci giorni suscitarono una forte indignazione sui social.

Nonostante il rapporto dei medici già allora prescrivesse che l’anziano detenuto non poteva più stare in prigione” e, nonostante la riapertura del processo per le testimonianze che lo scagionerebbero, resta tuttora ristretto. Mehmet Emin Özkan fu arrestato nel 1996per presunto coinvolgimentonell’assassinio del generale Bahtiyar Aydın nel distretto di Lice di Diyarbakır avvenuto nel 1993 e fu accusato di essere un membro del fuorilegge Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).

Il 22 ottobre di quell’anno, il comandante regionale della gendarmeria, generale di Brigata Bahtiyar Aydın, si era recato nel distretto della maggiore città del sudest del paese a maggioranza curda dopo un presunto attacco lanciato dal PKK contro le forze militare turche e fu ucciso dal fuoco di un cecchino mentre scendeva dall’elicottero.

A quell’omicidio, subito attribuito al PKK, fece seguito una operazione di rappresagl...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli