Mei 2020: a Piero Pelù il premio per i 40 anni di carriera, a Tosca il premio Nilla Pizzi dei giornalisti romagnoli

·5 minuto per la lettura
Mei 2020 ospiti
Mei 2020 ospiti

Sta per tornare il Meeting delle Etichette Indipendenti. Dal 2 al 4 ottobre si terrà la 25esima edizione della più importante manifestazione dedicata alla nuova scena musicale indipendente italiana. I più appassionati potranno cimentarsi in tre giorni di concerti, presentazioni musicali e letterarie, convegni e mostre: per il Mei 2020 sono già stati annunciati i primi ospiti. Dopo il lungo periodo di emergenza sanitaria, che ancora fatichiamo a lasciare alle spalle, c’è voglia di riassaporare il bello della normalità. C’è il desiderio di rivivere l’emozionante adrenalina che la musica sa offrire. Naturalmente, sempre con le dovute precauzioni e misure di sicurezza.

Fondato e diretto da Giordano Sangiorgi, in 25 anni di attività, l’evento ha quasi sfiorato il milione di presenze. Nato nel 1995 come Festival delle Autoproduzioni, diventa Mei nel 1997. È così che artisti come Afterhours, Bluvertigo, Subsonica, Pitura Freska e Baustelle si sono fatti conoscere al grande pubblico. Negli ultimi anni sono stati premiati e si sono esibiti al Mei artisti e band al tempo ancora sconosciuti, ma che oggi sono pienamente affermati nello scenario musicale italiano. Si tratta, per esempio, di Ghali, Canova, Calcutta, Måneskin e Mirkoeilcane. Nel 2012 è stato premiato Lo Stato Sociale, quell’anno al suo debutto. In quella stessa edizione, ma anche nel 2007, Ermal Meta ha ricevuto i suoi riconoscimenti. Configurandosi come la più importante manifestazione di lancio di emergenti in Italia, sono passati dal Mei anche Davide Van De Sfroos, Fabri Fibra, Nesli e Noemi. Tra gli ospiti anche Ligabue e Franco Battiato.

A valorizzare l’evento ci hanno pensato anche da alcuni esponenti politici: Giovanna Melandri e Giorgia Meloni hanno inaugurato le edizioni del 2000 e del 2010 in qualità, rispettivamente, di Ministro alla Cultura e Ministro per la Gioventù. Grazie al Mei la scena indipendente Made in Italy ha allargato i suoi confini, facendosi conoscere anche all’estero, partecipando alle fiere più prestigiose e ai più noti festival in Europa, con puntate negli Usa e in Cina.

Mei 2020, gli ospiti e i premi

Sabato 3 ottobre sarà presente Piero Pelù: dopo l’emozione di salire per la prima volta sul palco dell’Ariston, il celebre rocker toscano al Mei 2020 ritirerà il Premio per i suoi 40 anni di carriera. Si tratta di un omaggio per aver portato il rock alternative italiano ai vertici delle classifiche, legando la sua musica a un forte impegno civile e sociale. Piero Pelù terrà un concerto in acustico presso Piazza del Popolo.

Lo stesso giorno tra gli ospiti del Mei 2020 ci sarà Tosca, l’artista dalla voce delicata e lo stile elegante, che unisce la sua raffinatezza a un’attenta potenza vocale. È tornata a Sanremo nel 2020 e nello stesso anno, solo otto mesi dopo, sarà a Faenza per ricevere il Premio Nilla Pizzi come miglior artista in gara al settantesimo Festival della Canzone italiana. Il risultato è frutto della votazione da parte dei giornalisti musicali romagnoli coordinati da Enrico Spada. Tosca si esibirà in concerto al Teatro Masini.

Domenica 4 ottobre, invece, sarà premiato Gianni Maroccolo, anche lui per i suoi 40 anni di carriera. L’artista è compositore, bassista, produttore artistico e fondatore dei Litfiba e dei C.S.I. A sua volta, Maroccolo delizierà il pubblico con un concerto in Piazza del Popolo. Ad accompagnarlo ci sarà Stefano “Edda” Rampoldi, con il quale durante il lockdown ha inciso l’album “Noio; volevam suonar”. Su quello stesso palco, nello stesso giorno, salirà anche Omar Pedrini, al quale andrà la Targa per i 25 anni di “2020 Speedball”, quinto album dei Timoria, che anticipava il tema della realtà virtuale e affrontava questioni ecologiche che oggi più che mai appaiono attuali.

Gli appuntamenti del Mei 2020

Sono molti gli appuntamenti fissati per il Mei 2020: venerdì 2 ottobre, in Piazza del Popolo, è in programma il concerto “Buon Compleanno Castellina”, un omaggio al Maestro Castellina per il centenario della sua nascita. L’Orchestra Castellina-Pasi, l’unica orchestra da ballo italiana ad aver conquistato due dischi d’oro, presenterà al pubblico i successi di ieri e di oggi. L’indomani, sabato 3 ottobre, si terrà al Teatro Masini la quarta edizione del Premio dei Premi. Si tratta del contest creato da Giordano Sangiorgi e diretto da Enrico Deregibus: per l’occasione si confronteranno i vincitori dei concorsi intitolati a storici artisti scomparsi. Nello stesso giorno ci sarà la finale del contest “Arrangiami! 100 anni per il futuro”, organizzato dal Mei con il Gruppo Editoriale Bixio. Per l’evento, si esibiranno i 3 artisti più votati fra gli 8 semifinalisti. Quest’ultimi saranno annunciati il 15 settembre a Roma, nel corso dell’evento Face2Face.

Sabato 3 e domenica 4 ottobre, presso il Palazzo delle Esposizioni, si terrà anche la seconda edizione della Fiera del Disco di Faenza, frutto della collaborazione fra Music Day Roma e Mei. Decine di espositori provenienti da tutta Italia proporranno una ricca offerta di dischi in vinile, cd, poster, riviste, oggettistica e memorabilia.

Tornerà anche il Forum del giornalismo musicale, ideato da Giordano Sangiorgi e diretto da Enrico Deregibus. Saranno due giornate di incontri, assemblee e seminari ai quali parteciperanno decine di giornalisti del settore. Fissata a sabato 3 ottobre l’ottava edizione della Targa Mei Musicletter. Si tratta del premio nazionale dedicato al giornalismo musicale sul web, ideato e organizzato da Luca D’Ambrosio con la collaborazione di Sangiorgi. In tal caso a essere premiati saranno il “Miglior sito collettivo” e il “Miglior blog personale” di informazione musicale e culturale del 2020. Per il Mei 2020, il Premio speciale Targa Mei Musicletter andrà al “Miglior distributore discografico”.