"Mi faccio il c..., ma non importa a nessuno". E Melania sceglie queste decorazioni

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura

Ultimo Natale da first lady per Melania Trump. La moglie del presidente ha svelato le decorazioni della Casa Bianca per le festività 2020 in un video pubblicato sul suo profilo ufficiale Twitter, in cui invita gli utenti a un tour virtuale tra i tradizionali addobbi. Mentre la pandemia continua a colpire duramente il Paese, la famiglia Trump vive il suo quarto e ultimo Natale alla Casa Bianca. Il nuovo presidente Joe Biden, infatti, si insedierà il 20 gennaio 2021.

Ma in queste ore non sono mancate le polemiche. Nell’anno del Covid, i social non stanno perdonando alla first lady le funeree urne nere collocate lungo il Colonnato Est della Casa Bianca riempite di fronde rappresentative degli alberi ufficiali di ciascun Stato degli Usa. A far discutere, anche gli audio segreti, pubblicati dalla Cnn tre mesi fa, in cui Melania diceva: “Io mi impegno per le decorazioni, ma a chi importa niente?”. E sui social diventa virale l’hashtag #MelaniaHatesChristmas (Melania odia il Natale).

“Durante questo speciale momento dell’anno sono felice di condividere ‘America the Beautiful’ (il tema natalizio per quest’anno) con un tributo alla grandezza della nostra nazione”, dice Melania Trump nel video di presentazione delle decorazioni. “Insieme celebriamo questa terra che siamo orgogliosi di chiamare casa”, aggiunge Melania nel video, pubblicato con l’hashtag #WHChristmas e in cui sono immortalati le imponenti decorazioni tra alberi di Natale, luci e addobbi rossi.

Così si scorge la Sala Rossa: un omaggio ai soccorritori e ai lavoratori in prima linea nella lotta al Covid-19. E poi la Sala Blu, che ospita l’albero ufficiale e presenta il Paese dal punto di vista dei bambini. E ancora la riproduzione in scala della Casa Bianca di pan di zenzero che, realizzata con 180 chilogrammi di impasto, quest’anno comprende anche il giardino delle Rose che proprio Melania ha v...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.