Meloni: centrodestra unito, credo nessuno voglia avventure

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 gen. (askanews) - "Non sarò mai in un governo con il Pd e il M5S": Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, ribadisce la linea del suo partito sull'ipotesi di un esecutivo di larghe intese. Poi aggiunge, in linea con il comunicato unitario letto ieri al Quirinale dal segretario della Lega Matteo Salvini: "Se arriverà da Mattarella la proposta di un governo di unità nazionale la valuteremo con serenità. Ma continuiamo a pensare che non sia quello che serve all'Italia".

Nell'intervista l'esponente del centrodestra precisa che quell'apertura rappresenta solo "il doveroso rispetto che si deve al capo dello Stato se dovesse decidere di non sciogliere le Camere. Sarebbe giusto valutare, certo, ma da me non c'è alcun cambio di linea".

Meloni rivendica il fatto che "a dispetto di ogni lugubre previsione, il centrodestra è stato ed è compatto. Non ci siamo dilaniati, non abbiamo perso pezzi, Conte si è dovuto dimettere perché la sua campagna acquisti con noi è fallita. E' stata una grande prova di unità, non scontata visto che la nostra richiesta è quella di andare ad elezioni: al capo dello Stato infatti abbiamo chiesto di valutare se a norma dell'articolo 81 della Costituzione esistano le condizioni per sciogliere le Camere". La presidente di FdI non si nasconde le difficoltà che potrebbe incontrare questa linea unitaria di fronte a un eventuale cambio di scenario: "Ho letto e sentito anche io sfumature diverse, ma confido e spero che il centrodestra resti compatto. Le valutazioni le faremo con serenità quando arriverà il momento di farle, ma nessuno credo vorrà avventurarsi in percorsi che non fanno bene all'Italia", conclude.