Meloni e Salvini, sovranisti azzoppati

·3 minuto per la lettura
ROME, ITALY - OCTOBER 1: Matteo Salvini (Lega political party leader) and Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia Leader) attend a press conference organized by right-wing parties, Lega, Fratelli d'Italia and Forza Italia as part of the closing of the electoral campaign for the Mayor of Rome Enrico Michetti, at Spinaceto district, on October 1, 2021 in Rome, Italy. The mayoral elections in Italy's major cities including Rome, Milan, Turin and Naples - previously due to be held between 15 April and 15 June - will be held between 15 September and 15 October, according to a decree approved by the cabinet due to the Coronavirus pandemic. (Photo by Antonio Masiello/Getty Images) (Photo: Antonio Masiello via Getty Images)
ROME, ITALY - OCTOBER 1: Matteo Salvini (Lega political party leader) and Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia Leader) attend a press conference organized by right-wing parties, Lega, Fratelli d'Italia and Forza Italia as part of the closing of the electoral campaign for the Mayor of Rome Enrico Michetti, at Spinaceto district, on October 1, 2021 in Rome, Italy. The mayoral elections in Italy's major cities including Rome, Milan, Turin and Naples - previously due to be held between 15 April and 15 June - will be held between 15 September and 15 October, according to a decree approved by the cabinet due to the Coronavirus pandemic. (Photo by Antonio Masiello/Getty Images) (Photo: Antonio Masiello via Getty Images)

La drammatica autocritica di Salvini che ha perso Milano al primo turno, con le liste Fdi a un soffio dalle sue e l’intero centrodestra lombardo sotto choc: “Demeriti nostri, siamo arrivati tardi”. Il lungo silenzio della Meloni, che a Roma travolge il competitor e lo supera nelle grandi città ma non riesce a sfondare nel Paese: “Siamo il primo partito del centrodestra, primi in assoluto a Roma” è la stoccata all’alleato, in serata. La butta sui guasti dell’astensionismo e sulla partita capitolina ancora aperta: “La sinistra non festeggi”. Accarezza il risultato “ragguardevole” di Calenda. Roma focus mundi. Ma Napoli e Bologna già perse in modo secco. In casa sovranista, le aspirazioni sono state bruscamente ridimensionate. La somma non fa il totale, elidendosi non si governa.

Lo racconta il sollievo, ancora carsico, dell’ala “governista” del centrodestra: federatore cercasi, e dopo la “scoppola” dei “ragazzi”, Berlusconi scalda i motori. “Salvini e Meloni hanno voluto fare un referendum su di loro, imponendo i candidati e pensando che bastasse, ma l’hanno perso. La personalizzazione non paga più”. Osvaldo Napoli è uno che di partiti personali se ne intende: iscritto a Forza Italia dal ’94, ha traslocato con il gruppo “draghiano” di Toti da oppositore alla trazione sovranista del centrodestra. Quell’area che oggi brinda allo psicodramma in via Bellerio: il ko del “pediatra con la pistola” Bernardo ha aperto non una crepa ma un abisso nei sogni di gloria del Capitano. Non è una sconfitta: è un incubo che si materializza, sostanziato dai primi dati di lista che vedono la Lega intorno all’11%. Lo sigilla un Maurizio Lupi insolitamente duro: “Che scoppola, il peggior risultato della storia del centrodestra, sembrava X Factor, senza Silvio manca il collante”.

Nel quartier generale leghista il clima è scuro, le facce tirate, nessuno risponde ai messaggi, zero voglia di argomentare. Letta e Sala appioppano a Salvini la debacle milanese. Lui gioca d’anticipo, prova a scrollarsi di dosso l’immagine del pugile suonato mettendoci la faccia. E’ il primo dei leader a commentare, sia pure laconicamente: “Perso per demeriti nostri, erano i migliori candidati possibili ma li abbiamo messi tardi”. Sa di aver perso il derby interno, rilancia l’”unità seria”. Avvisa: “Nessuno usi questo voto per abbattere il governo”. A Roma va meglio fino a un certo punto: Michetti è proiettato verso il ballottaggio in vantaggio su Gualtieri, ma sotto la somma dei partiti che lo sostengono. E lì c’è un altro dente che duole: le liste leghiste sono intorno al 6,5%, quelle meloniane al 18%. Il triplo. Sgarbi, aspirante assessore alla Cultura, va lesto in tv per “chiamare” Calenda, vorrebbe per lui un ruolo nell’eventuale giunta Michetti, e avvisa: “Sono mancati i voti della Lega, quelli delle periferie che prima l’avevano votata...”.

L’asse sovranista, però, sta uscendo più che ammaccato. Azzoppato. A Napoli, Manfredi conquista il primo turno: Maresca è sideralmente lontano al 20%, la lista leghista è stata esclusa per ritardi nella presentazione (ma c’è chi maligna di un escamotage per evitare conte infelici), FdI è intorno al 4,3% con Fi al 7%. A Bologna, Lepore veleggia al 60%, Battistini sta chiuso in albergo, la Lega sta al 7% con FdI al 12,5%. Sono i primi dati, non conclusivi, certo indicativi di un clima. “Orecchie basse” ridacchia un forzista. Eppure, anche a Torino, con il “civico” Damilano coccolato dal ministro Giorgetti (ma rivendicato anche dai salviniani) va meno bene delle previsioni: sarà ballottaggio, ma è il candidato Dem Lo Russo a partire favorito.

Alla fine, neppure Trieste – dove corre di nuovo il forzista Dipiazza - potrebbe farcela al primo turno. La trincea diventa la Calabria, dove Occhiuto è già governatore, forte del 53% (la Bruni del centrosinistra è al 29%) e di un sistema elettorale a turno unico. I festeggiamenti sono pronti dal pomeriggio, scende lo stato maggiore azzurro: il coordinatore Tajani, il deputato super-berlusconiano Giacomoni. Si riparte da Catanzaro, ed è meglio di niente. Salvini e Meloni, sicuramente, non la pensano così.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli