Meloni in missione a Bruxelles, von der Leyen: "Grazie per la visita, è un segnale forte"

Valeria Mongelli / AFP

AGI - Si dice "contenta del clima che ho trovato", e spiega che "probabilmente parlare con le persone direttamente può aiutare a smontare una narrazione che è stata fatta sulla sottoscritta, e sul governo italiano".

Giorgia Meloni condensa in una dichiarazione davanti ai cronisti che l'hanno seguita lungo le tre tappe, la valutazione della sua full immersion di faccia a faccia con i vertici Ue.

Thank you @GiorgiaMeloni for the strong signal sent by your visit to institutions on your first trip abroad.

It was a good opportunity to exchange on critical issues ranging from support to Ukraine, energy to the #NextGenEU and migration. pic.twitter.com/HWKFEIpyf6

— Ursula von der Leyen (@vonderleyen) November 3, 2022

E tiene a mettere in luce, sia pure in un passaggio della dichiarazione, un concetto che aveva evidenziato sin dalla vittoria alle elezioni. "Non siamo dei marziani, ma delle persone in carne e ossa", rivendica il presidente del Consiglio. Persone "che spiegano le loro posizioni e mi pare che dall'altra parte - annota - ci fossero persone che avevano voglia di ascoltare".

Meloni accenna dunque a un "rapido bilancio della giornata", chiusa dalla cena di lavoro con Michel e rivendica di avere "voluto organizzare qui a Bruxelles la prima visita ufficiale del governo italiano al di fuori dei confini nazionali per dare il segnale che ho portato di un'Italia che vuole partecipare, collaborare, difendere il proprio intersse nazionale, nella dimensione europea, cercando le soluzioni migliori insieme agli altri Paesi, alle grandi sfide che stiamo affrontando".

"Mi pare che anche dal punto di vista personale, umano, si sia creata un'interlocuzione molto franca, molto positiva", annota ancora Meloni sottolineando che questo vale anche, e a maggior ragione, per i suoi interlocutori incontrati oggi per la prima volta.

Benvenuta Presidente @GiorgiaMeloni al @Europarl_IT.

L'Italia ha sempre avuto un ruolo centrale nell'UE.

Più che mai - con l'invasione Russa dell'Ucraina, prezzi dell'energia alle stelle e inflazione in aumento - dobbiamo rimanere uniti.

Siamo più forti se stiamo insieme pic.twitter.com/khKuHN02me

— Roberta Metsola (@EP_President) November 3, 2022

Tra questi, Ursula von der Layen. Una considerazione che finisce per essere corroborata anche dalla presa di posizione del portavoce della presidente della Commissione a proposito del 'caso' che alcuni osservatori hanno visto nel ritardo con cui la padrona di casa è arrivata a Bruxelles.

Circa mezz'ora d'attesa, poi recuperata nel corso del colloquio, come hanno fatto notare da Palazzo Chigi, dovuta alle condizioni meteo incontrate nel volo di ritorno di von der Leyen da un impegno istituzionale a Berlino. Eric Mamer ha dunque definito del tutto non rispondente al vero parlare di uno 'sgarbo' all'ospite da parte di chi ben conosce l'importanza del protocollo, e delle regole di cortesia, e che soprattutto aveva a che fare con un contrattempo del tutto al di fuori del proprio controllo.

Spiega allora Meloni di avere "portato il punto di vista italiano su alcune delle più grandi questioni che dobbiamo affrontare: ovviamente la crisi in Ucraina, il domino di conseguebze che produce, e quindi ovviamente il tema della necessita' di dare il prima possibile concretezza a una soluzione europea sul tema del prezzo dell'energia, di un tetto al prezzo del gas, che si è discusso in queste settimane nell'ultima riunione del Consiglio europeo. Ha fatto dei passi avanti importanti ai quali - ribadisce - oggi vanno date delle soluzioni concrete nel minore tempo possibile".

Il presidente del Consiglio conferma anche che si è parlato di "come spendere al meglio le risorse del Pnrr, come anche, a fronte delle difficoltà che ci sono, aumento delle materie prime, inflazione, come riuscire a lavorare insieme per implementare il Pnrr in modo che queste risorese possano effetivamente arrivare a terra, anche ragionando sulle grandi priorita'".

E a questo proposito, Meloni le enumera parlando di "questione energetica, flussi migratori, e tante altre materie che vanno dalla difesa dei nostri prodotti alimentari d'eccellenza in poi".

Meloni si dice sicura che "da questi incontri nascera' una serie di dossier molto concreti anche con gli altri ministri competenti, oltre a Fitto che mi ha accompagnato oggi".