Meloni: nessuno soffia su fuoco, fare tutto per evitare lockdown

Vep
·1 minuto per la lettura

Roma, 31 ott. (askanews) - "Nessuno soffia sul fuoco o vuole speculare" ma si deve evitare il lockdown: "Abbiamo fatto decine di proposte per evitarlo. Perché si muore di tante cose. Di virus, certo, ma anche di povertà. L'epidemia va fermata assolutamente ma tutto quel che si può fare prima del lockdown lo si deve tentare" e al governo "chiediamo più serietà e meno propaganda". Lo afferma in una intervista a Repubblica il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni secondo la quale le misure indispensabili "non sono state adottate". "Non hanno fatto nulla nei mesi estivi per prevenire i contagi sui mezzi pubblici, nelle scuole, sui posti di lavoro e per potenziare la sanità alla vigilia di una seconda ondata più che annunciata", aggiunge. Se invece si parte "dalla chiusura di ristoranti e palestre, senza fermare il contagio, stai solo cercando un capro espiatorio". All'esecutivo "presenteremo una risoluzione con le nostre proposte. E valuteremo. Se la maggioranza le accoglierà tutte o in parte, bene". Altrimenti, "ognuno per la sua strada, non avranno il nostro sì". Se dal governo chiamano, puntualizza Meloni, "rispondo, la verità è che non sono interessati. Ma alla fine di tutta questa storia saranno gli italiani a dire chi è stato responsabile e chi no" e passata l'epidemia, con il Paese in sicurezza, "si deve tornare subito alle urne. Non si inventino altri governicchi di Palazzo con maggioranze improvvisate e premier trovati nell'uovo della prossima Pasqua. Devono essere gli italiani a scegliere da chi farsi guidare".