Meloni: "Non partecipiamo a passerelle nelle ville"

webinfo@adnkronos.com

"Gli Stati generali per noi sono il Parlamento della Repubblica, se ci si vuole confrontare con noi lo si fa nelle sedi istituzionali, noi non partecipiamo a passerelle nelle ville". Lo dice Giorgia Meloni, lasciando il vertice del centrodestra, con Salvini e Tajani. "Noi - ricorda - siamo sempre disponibili al confronto col governo, lo dimostrano le decine e decine di proposte che abbiamo presentato in Parlamento".  

Stati generali, fonti centrodestra: compatti su no a partecipazione 

"In queste ore la Camera dei Deputati - ricorda - discute il decreto rilancio cioè come spendere 55 miliardi di euro, che insieme ai 25 precedenti, ipotecano il futuro, per qualche anno, e se qualcuno vuole parlare con noi, di questo deve parlare di come si spendono complessivamente quasi 80 miliardi di euro, perché parlare di altro ora non ci interessa".