Meloni presenta la manovra "frutto di scelte politiche"

no credit

AGI - "Sono molto soddisfatta del lavoro che abbiamo fatto: primo perché abbiamo scritto questa legge di bilancio che non si limita a un lavoro ragionieristico ma fa delle scelte politiche. La presentiamo in appena un mese, è una manovra che ricalca e racconta di una visione politica".

Lo dice la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa sulla manovra economica del governo di cui si dice "molto soddisfatta".

"L'approccio che abbiamo avuto è come quello di un bilancio familiare, quando mancano le risorse non sei lì a preoccuparti per il consenso ma su cosa sia giusto fare", osserva. "Si fanno delle scelte e si assume la responsabilità delle scelte", aggiunge. "È una manovra figlia di scelte politiche", dice. "È una manovra coraggiosa che scommette sul futuro".

"Le due grandi priorità sono la crescita e la giustizia sociale, cioè l'attenzione alle famiglie e alle categorie più fragili". Lo dice la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa sulla manovra economica del governo.

Nella legge di bilancio "ci sono misure di un miliardo e mezzo" per le famiglie ed è stato deciso il rinvio "dell'applicazione della 'sugar tax' e della 'plastic tax', che quindi non entreranno in vigore nel 2023".

Tre tasse piatte

"La manovra presta molta attenzione al tessuto produttivo, alle imprese, all'incentivo al lavoro. Ci sono tre tasse piatte: una per i redditi incrementali per le partite Iva sul maggior utile, per una soglia massima di 40 mila euro. C'è l'aumento della tassa piatta per gli autonomi fino a 85 mila euro e per i lavoratori dipendenti e c'è una tassa piatta che arriva al 5% per i premi di produttività fino a 3mila euro".

L'intervento sulle pensioni

La manovra in materia pensionistica interviene "sullo scalone pensionistico che sarebbe scattato dal 1 gennaio, senza un intervento dal 1 gennaio sarebbe scattata la pensione a 67 anni": si potrà andare in pensione "a 62 anni con 41 di contributi, ma con dei paletti di buon senso. Chi decide di entrare in questa finestra, fino a maturazione dei requisiti, non potrà avere una pensione fino a cinque volte la minima" dice Meloni.

Inoltre, ha aggiunto Meloni, "abbiamo deciso di rivalutare le pensioni minime del 120%, l'aumento maggiore in rapporto all'inflazione lo avranno le pensioni più basse. Man mano che la pensione aumenta, l'aumento diminuisce". Meloni ha confermato che "sarà prorogata l'Ape sociale e opzione donna".