Meloni pronta a scendere in piazza per manifestare: "Mascherine come bavaglio"

Giorgia Meloni parla della manifestazione di luglio

Sabato 4 luglio 2020 ci sarà una manifestazione del centrodestra in Piazza del Popolo, Giorgia Meloni ne ha parlato durante un’intervista a La Repubblica. “Le mascherine non possono diventare un bavaglio. Saremo responsabili e distanziati, stiano certi”, ha detto.

Giorgia Meloni sulla manifestazione di luglio

“Abbiamo assistito a ben altri assembramenti, dal 25 aprile alla piazza in ricordo di George Floyd fino all’inaugurazione del ponte di Genova”, queste le infuocate affermazioni della leader di Fratelli d’Italia. La Meloni prosegue poi sostenendo che il Governo stia sfiorando comportamenti da regime: “Le critiche vengono mosse, guarda caso, solo quando qualcuno manifesta contro di esso. Non si può usare una pandemia per far tacere chi protesta, ha aggiunto, “da qui al regime il passo rischia di essere breve. Volevano ridurre le presenze a 1800 persone in una piazza da 14.000 mq. Ho alzato la voce e adesso la Prefettura ne consente 4.200”.

Meloni: “La maggioranza è fragile”

Secondo la leader di FdI, la maggioranza a sostenere Giuseppe Conte non ha più i numeri al Senato ed è fragile politicamente. “C’è solo una strada percorribile e il presidente della Repubblica lo sa bene. Non è in grado di affrontare con determinazione l’emergenza economica”, afferma, “La cosa più responsabile che si possa fare è indire nuove elezioni, anche con la legge elettorale attuale”.

No secco del centrodestra all’invito del premier per confrontarsi, ma per un motivo ben preciso che Giorgia Meloni vuole precisare: “Abbiamo chiesto a Conte di mandarci, con l’invito, anche il documento con le proposte che dovremmo discutere. Documento che, a occhio, non esiste. E poi, ci voleva separati”.