Menichetti: “tampone Covid come test gravidanza ogni 48 ore invece di pillola”

·1 minuto per la lettura
featured 1538569
featured 1538569

Roma, 12 nov. (Adnkronos Salute)() – "Il certificato verde è una buona cosa, ma va rilasciato solo ai guariti e ai vaccinati, mentre per il tampone bisogna andare a un rapido esaurimento perché non ha un ruolo di protezione immunologica: è come dire 'io per non rimanere incinta non prendo l'anticoncezionale, ma faccio il test di gravidanza ogni 48 ore'". Così all'Adnkronos Salute il virologo Francesco Menichetti, già primario di Malattie infettive all'ospedale di Pisa.

"Degli effetti positivi del tampone per l'individuazione degli infetti ne abbiamo beneficiato abbastanza – osserva il medico – Siamo arrivati a farne 700mila a settimana, ma questo non penso possa essere sine die, bisogna arrivare a un punto di svolta. Visto che la politica non si assume la responsabilità di rendere obbligatorio il vaccino, l'unico altro modo per andare a scalfire la sacca dei resistenti – avverte Menichetti – è quello di concedere, in maniera progressiva entro un paio di mesi, il Green pass solo a guariti e vaccinati".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli