Mercato, partnership commerciali e nuovo stadio: ecco come il fondo Elliott vuole rilanciare il Milan

Niccolò Mariotto

Riportare in alto il Milan, è questo l'ambizioso obiettivo che il fondo Elliott si è posto dal momento in cui è diventato proprietario del club rossonero dopo la breve esperienza del cinese Yonghong Li dal 2017 al 2018. La strada da percorrere è lunga e in salita ma nonostante questo il fondo statunitense conta di potercela fare: a questo riguardo facciamo il punto, grazie all'analisi effettuata da Radio Rossonera, sulle varie strategie che la proprietà ha studiato per riuscire nel suo intento.


Il mercato


Il prossimo mercato estivo sarà molto particolare per quanto riguarda le date ma anche e soprattutto per i prezzi: l'emergenza Coronavirus ha portato (e porterà) con sé strascichi a livello economico con molte società che dovranno per forza di cose rivedere i propri piani in materia di investimenti. Il Milan dalla sua può contare su una proprietà finanziariamente solida e per questo motivo i rossoneri in vista del prossimo mercato potrebbero attuare una strategia più aggressiva provando a sfruttare ciò che il mercato offrirà. Il tutto per fornire al futuro allenatore (che probabilmente sarà Rangnick) una squadra competitiva e che possa tornare protagonista come un tempo.


Nuove partnership


Un altro punto fondamentale per il rilancio del Milan è legato alle partnership commerciali, alla ricerca di nuovi sponsor che possano far entrare nelle casse del club denaro fresco da poter poi reinvestire. Il marchio Milan ha certamente ancora il suo grande fascino ma al giorno d'oggi questo non basta più per essere una società di successo: a questo riguardo da circa un anno è nato un team commerciale, voluto e creato dall’ad Ivan Gazidis, con lo scopo di cercare nuovi partner in tutto il mondo e generare introiti.


Il nuovo stadio


La costruzione di un nuovo stadio che prenda il posto dello storico impianto di S. Siro è un altro punto molto importante per il rilancio del marchio Milan: il Comune di Milano ha di recente dato l'ok per il parziale abbattimento del vecchio stadio, se tutto va per il verso giusto il club rossonero (e i loro cugini nerazzurri dell'Inter) entro tre anni potranno contare su un nuovo e modernissimo stadio in cui giocare.


Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A!