Mercedes-Benz lascia la Russia: tutte le attività passano a un investitore locale

La casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz ha deciso di vendere i suoi asset russi a un investitore locale. A rilevare le azioni è la catena di concessionarie Avtodom, che adesso si propone di individuare un partner tecnologico per continuare a gestire gli impianti.

Mercedes-Benz è l'ultima casa automobilistica a uscire di scena da quando Mosca ha inviato le truppe in Ucraina.

"L'adempimento degli obblighi nei confronti dei clienti in Russia e il mantenimento dei posti di lavoro per i dipendenti delle divisioni russe dell'azienda sono stati la priorità nella conclusione dell'accordo con Avtodom" ha dichiarato il direttore generale di Mercedes-Benz-RUS, Natalya Koroleva.

"Il completamento della transazione è soggetto all'approvazione di tutte le autorità competenti", ha dichiarato Mercedes-Benz.

Non sono stati forniti dettagli finanziari sulla transazione da entrambe le parti.

Molte aziende occidentali hanno abbandonato la Russia per motivi etici o logistici da quando Mosca ha lanciato quella che ha definito una "operazione militare speciale" in Ucraina il 24 febbraio.

Le sanzioni occidentali imposte alla Russia dall'inizio dell'offensiva in Ucraina hanno pesantemente interrotto le catene di approvvigionamento.

Particolarmente colpiti sono stati i settori della tecnologia e della produzione di automobili.