Mercedes-Benz: in secondo trim. vendite auto globali -16%, pesa crisi chip

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 lug. – (Adnkronos) – La crisi dei semiconduttori continua a pesare sulla produzione di Mercedes-Benz che nel secondo trimestre a livello globale ha venduto 490 mila automobili, con un calo del 16% sullo stesso periodo del 2021, a fronte di un forte andamento degli ordini "in particolare per i veicoli elettrici e di lusso di fascia alta". Le vendite di veicoli 100% elettrici sono quasi raddoppiate a 23.500 unità (+90%) mentre quelle dell'ammiraglia Mercedes-Maybach nel secondo trimestre raggiungono il massimo storico di 4.400 unità (+25%). A livello regionale in Asia le vendite sono diminuite del 20% nel secondo trimestre per i lockdown di primavera, con un rimbalzo a giugno evidenziato dalle consegne in Cina in aumento del 40% rispetto ai livelli di maggio.

In Europa le vendite hanno raggiunto 154.300 unità (-10%) con la Germania quasi stabile a 50.600 unità (-4%). Quasi un terzo dei veicoli venduti in Europa nella prima metà del 2022 100% elettrico o plug-in hybrid. Le vendite in Nord America sono state di 91.000 unità (-3%), di cui 79.100 autovetture (-4%) negli Stati Uniti. Il modello più venduto è la nuova Classe C con 84.900 unità vendute.

Il gruppo riconosce come "le consegne rimangono vincolate dalla carenza di semiconduttori e dalle strozzature nella logistica" legate ai lockdown per il Covid, soprattutto in Cina. "Stiamo facendo ogni sforzo per soddisfare le aspettative dei clienti, nonostante le attuali restrizioni", ha affermato Britta Seeger, membro del consiglio di amministrazione di Mercedes-Benz Group AG responsabile del marketing e delle vendite di Mercedes-Benz Cars.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli