Mercedes e Bosch proseguono test su emissioni in città italiane

Lzp
·2 minuto per la lettura

Milano, 29 ott. (askanews) - Mercedes-Benz e Bosch portano i test Rde nel cuore delle metropoli italiane, per verificare scientificamente l'effettivo impatto ambientale della mobilità di ultima generazione. I test svolti a Milano, Torino e Roma hanno l'obiettivo di sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica sull'importante salto tecnologico che negli ultimi anni ha visto protagoniste le motorizzazioni tradizionali, sempre più efficienti e a basso impatto ambientale. Per questo sono stati comparati i risultati di tre diversi tipi di alimentazione: una Classe A 200 d, equipaggiata con un propulsore Diesel 2.0 da 150 CV; una Classe B 160, con motore 1.3 benzina da 109 CV e una Classe C 300 de EQ-POWER, alimentata da 2.0 Diesel Plug-In con una potenza di sistema di 194 + 122 CV. Tra gli elementi più interessanti emersi nel corso dei test è risultato che, i valori medi delle emissioni di ossido di azoto e del numero di particelle allo scarico del motore Diesel Euro 6d preso in oggetto, sono inferiori rispetto a quelli della vettura con alimentazione a benzina a iniezione diretta, pur rimanendo entrambe in una fascia decisamente al di sotto dei limiti. Un altro fattore particolarmente rilevante registrato nel corso del test a Milano è che, in presenza di un'alta concentrazione di particolato, come nel caso in cui ci preceda un veicolo particolarmente inquinante, la concentrazione delle polveri allo scarico è risultata fino a 2.000 volte inferiore rispetto a quella dispersa nell'aria dell'ambiente circostant. I diesel di ultima generazione, emerge dai test - sono molto migliorati sotto il profilo dell'efficienza e delle emissioni e andrebbe rivista in maniera radicale la reputazione di questa tipologia di alimentazione, che può essere un alleato importante nella transizione verso l'elettrico. Nel corso di tutte le sessioni di test non è mai avvenuta alcuna rigenerazione del filtro antiparticolato, che prevede la periodica combustione delle polveri accumulate al suo interno. Questo processo è erroneamente indicato come un importante picco di emissioni, ma recenti studi hanno, invece, dimostrato che, pur considerando la rigenerazione, i livelli di emissione di particolato sono inferiori, pari ad un quinto, della soglia consentita.