Merck chiederà autorizzazione Usa alla prima pillola anti-Covid

·1 minuto per la lettura
Pillola anti-covid (Photo: Jose A. Bernat Bacete via Getty Images)
Pillola anti-covid (Photo: Jose A. Bernat Bacete via Getty Images)

Merck accelera il processo per portare sul mercato la pillola per il trattamento del Covid-19 e sfida Pfizer. Chiederà infatti, “il prima possibile” l’autorizzazione di emergenza negli Stati Uniti per la prima pillola anti-Covid. “I test clinici condotti - afferma il colosso farmaceutico - hanno mostrato che il farmaco orale riduce il rischio di ricoveri e decessi quando somministrato a persone ad alto rischio nelle fasi iniziali dell’infezione. La pillola Merck, messa a punto per fermare il replicarsi del coronavirus, va presa per cinque giorni, quattro compresse al giorno”.

Più dettagliatamente, Merck (Msd) e Ridgeback Biotherapeutics hanno annunciato che l’antivirale orale in fase di sperimentazione clinica, “ha ridotto di circa il 50% il rischio di ospedalizzazione o di morte in base ai risultati dell’interim analysis della fase III del trial MOVe-OUT condotto su pazienti adulti non ospedalizzati a rischio con COVID-19 in forma lieve o moderata”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli