Merkel ad Auschwitz, prima volta da cancelliera: "Provo una vergogna profonda"

Carlo Renda
·1 minuto per la lettura
Merkel nel lager di Auschwitz (Photo: )
Merkel nel lager di Auschwitz (Photo: )

Angela Merkel è arrivata al campo di concentramento di Auschwitz. È la prima volta che fa visita sul luogo simbolo dell’Olocausto da cancelliera. L’ultimo capo di governo tedesco a visitare Auschwitz era stato Helmut Kohl nel 1995.

La cancelliera, vestita di nero, è stata ricevuta dal premier polacco Mateusz Morawiecki e dal direttore della fondazione Auschwitz-Birkenau, Piotr Cywinski. Assieme alla delegazione polacca, la cancelliera ha attraversato lentamente l’ingresso del campo di concentramento nazista, dove si trova il famigerato cancello, con la scritta “Arbeit macht frei”.

“Quello che è successo qui non si può capire con la comprensione umana” ha detto Merkel, “non dobbiamo dimenticare mai. Provo una vergogna profonda”. La sua visita acquista un particolare significato alla luce dei rigurgiti di antisemitismo, in Germania e non solo: “Nessuna tolleranza su nessun
antisemitismo” ha aggiunto la cancelliera. “Non possiamo tirare una linea e non ci sarà neppure alcuna relativizzazione”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.