Merkel in soccorso di Laschet, giù nei sondaggi: "Cancelliere per il bene del paese"

·3 minuto per la lettura
21 August 2021, Berlin: Armin Laschet, candidate for chancellor of the CDU/CSU, federal chairman of the CDU and state premier of North Rhine-Westphalia, stands next to Chancellor Angela Merkel (CDU) on stage at the central campaign kick-off of the CDU and CSU. With the event at the Tempodrom, the Union wants to start the hot phase of the campaign for the 2021 federal election. Photo: Michael Kappeler/dpa (Photo by Michael Kappeler/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)
21 August 2021, Berlin: Armin Laschet, candidate for chancellor of the CDU/CSU, federal chairman of the CDU and state premier of North Rhine-Westphalia, stands next to Chancellor Angela Merkel (CDU) on stage at the central campaign kick-off of the CDU and CSU. With the event at the Tempodrom, the Union wants to start the hot phase of the campaign for the 2021 federal election. Photo: Michael Kappeler/dpa (Photo by Michael Kappeler/picture alliance via Getty Images) (Photo: picture alliance via Getty Images)

Armin Laschet cancelliere “per il bene del paese”. Angela Merkel è “profondamente convinta” della candidatura di Laschet come suo successore alla cancelleria tedesca: lo ha ribadito oggi a Berlino in occasione del lancio ufficiale della campagna dell’Unione di centrodestra CDU/CSU in vista delle elezioni del 26 settembre. Finora Merkel è stata per lo più ai margini della campagna elettorale, ma le difficoltà in cui versa la candidatura di Laschet, tra sondaggi in calo e critiche alla sua persona, ha spinto la cancelliera a intervenire in suo soccorso.

Laschet, governatore della Renania settentrionale-Vestfalia e leader del partito dell’Unione cristiano- democratica, sta fronteggiando critiche per la gestione delle gravi inondazioni che hanno colpito il suo Stato il mese scorso. Il 60enne scelto dal partito per succedere a Merkel dopo 16 anni al governo sta riscuotendo sempre meno successo sul piano della popolarità personale, a differenza del rivale socialdemocratico Olaf Scholz. Secondo i sondaggi più recenti, il sostegno al blocco dell’Unione è sceso fino al 23%, assottigliando il suo vantaggio rispetto ai socialdemocratici di centrosinistra e ai Verdi ambientalisti.

“Queste elezioni sono molto complesse: è la prima dal 1949 che chi siede nella cancelleria non si candida. Vuol dire che le carte vengono rimescolate completamente”, ha detto Merkel al Tempodrom di Berlino per l’evento d’avvio della ‘fase calda’ della campagna elettorale. “Complessivamente CDU/CSU hanno espresso il cancelliere o la cancelliera per oltre 50 anni”, ha continuato. “E questo è soprattutto motivo di umiltà, ma anche una spinta per dire che dovrà continuare così anche negli anni che seguiranno. Per il bene del Paese, sarà Armin Laschet il futuro cancelliere della Repubblica federale”.

Merkel ha sottolineato che conosce Laschet “sin da quando stava al Bundestag: in tutti questi anni l’ho vissuto come un politico per il quale la ‘C’ presente nel nome del nostro partito rappresenta il compasso delle sue scelte” (il riferimento è all’elemento cristiano dell’Unione). “Il fondamento della nostra visione cristiana è che pone la dignità dell’uomo al suo centro”, ha detto ancora la cancelliera. “E io so che porterà avanti questo impegno anche come cancelliere”.

Anche Markus Söder, il capo del partito gemello bavarese della CDU, l’Unione Cristiano Sociale, parlerà alla manifestazione elettorale. Söder ha combattuto contro Laschet ad aprile per la nomina a cancelliere e succedere a Merkel. Mentre Laschet ha rifiutato di commentare i recenti sondaggi, Söder ha mostrato segni di insofferenza nei confronti della campagna dell’Unione. Il mese scorso ha detto che il blocco deve dimostrare che non sta cercando di “viaggiare verso la cancelleria in un vagone letto”.

Merkel, che guida la Germania dal 2005, ha annunciato nel 2018 che non avrebbe cercato un quinto mandato come cancelliera. L’Unione ha ottenuto il 32,9% dei voti nelle ultime elezioni, nel 2017. Nel suo miglior risultato sotto Merkel, nel 2013, il blocco ha vinto il 41,5%.

Laschet è una figura centrista sullo stampo della Merkel, ma finora non sembra aver ispirato gli elettori. Mercoledì ha ignorato la domanda se stesse considerando di cedere la candidatura a cancelliere a Söder, dicendo che l’Unione aveva “deciso chiaramente” chi si sarebbe candidato.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli