Mes, Bagnai(Lega): no decisioni chetichella, parola a Parlamento

Red/Lsa

Roma, 7 mar. (askanews) - "Abbiamo appreso da fonti di stampa, con stupore e sconcerto, che l'approvazione della riforma del Mes sarebbe stata anticipata dalla riunione Ecofin di aprile a quella di marzo. Una decisione del tutto improvvida, che, se confermata, lascerebbe supporre che nelle sedi europee si intende approfittare dello stato di eccezione causato dalla crisi per sottoscrivere accordi sottraendoli al necessario coinvolgimento dei Parlamenti nazionali". Lo dichiara in una nota Alberto Bagnai (Lega), presidente della Commissione Finanze e Tesoro a Palazzo Madama.

"Per questo motivo - aggiunge - ho formalmente convocato, come presidente della commissione Finanze, il ministro Gualtieri perché riferisca alle commissioni Finanze e Bilancio riunite. Sarebbe estremamente grave se, in una situazione di crisi e con misure restrittive prese a contrasto alla diffusione del Coronavirus, che limitano l'attività parlamentare, si sottraesse al necessario scrutinio del Parlamento una decisione così importante. Sarebbe, invece, un segno di correttezza istituzionale - sottolinea Bagnai - adottare una moratoria nelle sedi europee, finché i Parlamenti, incluso quello europeo, non abbiano ritrovato la loro piena operatività. Confidiamo che il ministro abbia il buonsenso di adoperarsi per questa moratoria, anziché affrettarsi a prendere decisioni alla chetichella".