Mes, Cangini (Fi): Di Maio e Salvini sapevano, è gioco parti

Pol/Arc

Roma, 2 dic. (askanews) - "L'Europa ha le sue colpe, ma le colpe di un'Europa tendente alla tecnocrazia originano dalle colpe di una politica tendente all'irresponsabilità. È evidente che i vicepremier del Conte1, Salvini e Di Maio, erano a conoscenza della trattativa tra il governo italiano e i partner europei sul Mes, è evidente che stiamo oggi assistendo a un gioco delle parti, è altrettanto evidente che, come già accadde col bail in, il Parlamento non è stato adeguatamente coinvolto". Lo ha dichiarato il senatore di Forza Italia Andrea Cangini, intervenendo in aula sull'informativa del presidente del Consiglio.

"Un errore - ha aggiunto - non imputabile all'Europa, ma alla politica. La politica italiana nel suo complesso. Ma senza coinvolgere su questi temi decisivi il Parlamento, cioè il popolo, non maturerà mai nella società quel sentimento di identità europea di cui avremmo bisogno".