Mes, Salvini a Conte: prevede confisca conti correnti, vero o falso?

Gal

Roma, 26 nov. (askanews) - Il Trattato Mes potrebbe comportare una confisca dei conti correnti bancari italiani. "E' vero o è falso". Matteo Salvini in un video su Facebook si rivolge così al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e cita un articolo di Milano Finanza che racconta le conseguenze per il nostro Paese dell'approvazione di questo trattato europeo sul Fondo salva-Stati.

"C'è il rischio che il nostro futuro sia ipotecato da qualcuno che è abusivamente al governo - dice il leader della Lega -. Questo Trattato serve a salvare la banche tedesche, Conte dice che è un trattato che aiuta l'Italia". Salvini legge allora l'articolo di Milano Finanza del 23 novembre e lo mostra nel video: "Perché a Bruxelles quando ti devono fottere non lo mettono nel titolo ma nell'annesso tre: 'l'unica via è la ristrutturazione del debito', questo significa annientare il 20 o il 30 per cento del risparmio privato. Cioè se avete Bot o Btp che oggi valgono dieci vi tagliano il 20-30%. L'altra condizione è 'la confisca notte-tempo dei conti correnti bancari italiani per un ammontare equivalente al contributo. E' questa la taciuta ignominiosa verità', dice Mf".

"Se Conte vuole querelare Salvini o Gualtieri vuole confrontarsi fatelo anche con questi giornalisti indipendenti", incalza Salvini che si rivolge in modo particolare a Conte "questo signore indegnamente premier pro tempore risponda: è una bufala? un azzardo, oppure è previsto nell'annesso 3 l'ipotesi raccontata da Milano Finanza del 23 novembre pagina 11? E' vera o è falsa? Forse abbiamo capito tutte le manifestazioni contro Salvini da chi sono ispirate. Qui sono in ballo 110 miliardi di euro che se passa questo trattato possono essere estorti con le buone o con le cattive", conclude.