Mes, Salvini a Conte: uomo arrogante, si vergogni

Bar

Roma, 2 dic. (askanews) - Matteo Salvini ha sfoderato una citazione attribuita a Confucio per replicare al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che nella sua informativa in aula prima alla Camera e poi al Senato lo ha accusato di scarsa cultura istituzionale: "L'uomo superiore, e non sono io - ha precisato Salvini - è calmo senza essere arrogante, l'uomo dappoco è arrogante senza essere calmo".

Il leader della Lega ha poi concluso l'intervento dicendo: "Parentesi: si vergogni". La presidente del Senato Elisabetta Casellati lo ha rimbrottato: "Io credo - ha detto - che quest'aula e anche il senatore Salvini, non possa dire al presidente del Consiglio 'si vergogni', è una espressione non rispettosa. Non siamo allo stadio, non voglio applausi da nessuno", ha aggiunto tra le urla delle parti contrapposte, prima di chiedere il ritiro dei cartelli dai banchi della Lega e infine di sospendere la seduta per due minuti circa, per mettere ordine nella confusione dell'assemblea di palazzo Madama.