Mes, Salvini sfida Conte: "Pronto a confronto"

webinfo@adnkronos.com

"Abbiamo sempre detto no. Sono pronto a un confronto con Conte su questo, se viene qui fa la figura del bugiardo o dello smemorato, sono pronto quando vuole". Lo ha detto Matteo Salvini a Unomattina parlando della riforma del Meccanismo europeo di stabilità. 

Il Mes, ha rimarcato il leader della Lega, è "un trattato che rischia di far saltare i risparmi degli italiani, è un modo di fare terrorismo, sarebbe un trattato folle, un organismo privato decide di quanto tagliare i fondi delle banche per salvare le banche tedesche". "Non vorrei che Conte, o chi per lui, avesse preso un impegno per salvare la poltrona. Se così fosse sarebbe alto tradimento, che viene punito con il carcere", ha spiegato Salvini.  

Per quanto riguarda la manovra, il leader leghista ha spiegato che "la verità è che si stanno scannando, è un balletto tragicomico". "Questa manovra è cambiata 17 volte fino ad ora...il vero problema è l’instabilità e la totale incertezza della norma che pesa più delle tasse....", ha aggiunto Salvini, scommettendo che il Conte bis impiegherà più tempo del governo precedente M5S-Lega per approvare la legge di bilancio. "Faccio un pronostico, vanno più lunghi di noi...", ha detto, aggiungendo che "quando torniamo al governo con una coalizione più omogenea, sicuramente i soldi" impiegati per il reddito di cittadinanza, che "non porta Sviluppo", sarebbe meglio usarli per "diminuire le tasse anziché darli in assistenza".