Mesa, bracciante 24enne accoltellato dal datore di lavoro: soccorso dai passanti

carabinieri
carabinieri

Un bracciante indiano di 24 anni è stato brutalmente attaccato dal suo datore di lavoro e dal figlio per aver chiesto di ricevere tutti i soldi che gli erano stati promessi. Il ragazzo, addetto alla stalla di un caseificio di Mesa, nelle vicinanze di Latina, aveva lavorato per ben 32 giorni consecutivi, weekend compresi.

Mesa, bracciante 24enne accoltellato dal datore di lavoro: soccorso dai passanti

Il ragazzo indiano aveva accettato di lavorare nella stalla del caseificio dietro ad un giusto compenso di denaro. Dopo 32 giorni di lavoro consecutivi, però, lo stipendio arrivato al 24enne non era quello che era stato concordato. Il datore di lavoro gli ha infatti pagato solo qualche centinaia dei 1200 euro promessi inizialmente. Quando il bracciante ha provato a chiedere i soldi che gli spettavano è stato, però, aggredito brutalmente.

L’aggressione e la fuga del ragazzo

Il datore di lavoro e suo figlio hanno minacciato e spintonato il braccciante, fino ad arrivare a picchiarlo e, addirittura, accoltellarlo alle braccia. Il 24enne, dopo un primo momento in cui stava soccombendo, è riuscito a mettersi in fuga in strada, dove ha incontrato dei passanti che lo hanno soccorso. Il ragazzo, attualmente, è ricoverato all’ospedale di Terracina, mentre il datore di lavoro è stato denunciato ai carabinieri.