Messico, giornalista trovato morto nel centro del Paese -3-

Fth

Roma, 25 ago. (askanews) - Il Messico è uno dei paesi più pericolosi al mondo per i giornalisti. Circa un centinaio di giornalisti sono stati uccisi dal 2000. La stragrande maggioranza degli omicidi è rimasta impunita.

L'ufficio di Reporter senza frontiere (RSF) in Messico ha dichiarato all'AFP che, secondo i parenti del giornalista trovato morto, Jaramillo, aveva ricevuto minacce nel novembre 2018 e lo scorso giugno. Per questo motivo, "aveva cercato misure di protezione" da un'agenzia governativa messicana che doveva garantire la sicurezza dei professionisti dell'informazione, ha affermato RSF.

  • Pregliasco: "Virus rallenta ma plateau resiste, ecco perché"
    Notizie
    Adnkronos

    Pregliasco: "Virus rallenta ma plateau resiste, ecco perché"

    Lo si potrebbe chiamare 'il paradosso del plateau'. "Il virus rallenta in Italia, e ce lo dice soprattutto il dato bello delle terapie intensive, ma i nuovi casi continuano ad essere identificati e il plateau", la sorta di altipiano che sembra aver preso il posto del tanto atteso picco, "resiste. Il fatto è che ci sono meno casi, ma noi li rileviamo di più: una sensibilità maggiore che fa sfuggire meno soggetti positivi, e che influenza il conteggio. Un paradosso", dice all'Adnkronos Salute il virologo dell'Università di Milano Fabrizio Pregliasco. "Un paradosso che deve dirci due cose: le misure stanno funzionando, ma non è ancora il momento di abbassare la guardia". "E' corretto uscire con la mascherina: in Lombardia per precauzione dovremmo considerarci tutti positivi a Covid, inoltre vedere le persone con naso e bocca coperte rafforza il messaggio di distanziamento sociale, importante per non far tornare il virus a 'correre'", evidenzia Pregliasco commentando l'ordinanza del presidente della Regione Lombardia che "introduce l'obbligo per chi esce dalla propria abitazione di proteggere se stesso e gli altri coprendosi naso e bocca con mascherine o anche attraverso semplici foulard e sciarpe". "Resta il problema della disponibilità delle mascherine per la popolazione", aggiunge il virologo.

  • Lecce, arrestato medico che ha preso a calci anziano paziente
    Notizie
    Adnkronos

    Lecce, arrestato medico che ha preso a calci anziano paziente

    E' stato arrestato dai carabinieri il medico di base di Calimera, in provincia di Lecce, che l'altro ieri pomeriggio ha picchiato un suo paziente anziano. Ora si trova ai domiciliari. L'anziano è ricoverato nell’ospedale ‘Vito Fazzi’, con una prognosi di 25 giorni. Ha riportato una vasta ecchimosi al volto e la frattura di alcune costole. Il medico di medicina generale, oltre a schiaffeggiarlo e spintonarlo fino a farlo cadere a terra, gli ha rifilato alcuni calci anche quando la vittima era a terra. Solo l'intervento di una donna ha evitato conseguenze peggiori. La scena è stata ripresa con un telefonino da due persone che erano in un'auto. Nei confronti del medico i militari della Stazione di Calimera hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Lecce - Ufficio gip, a firma di Giulia Proto, su richiesta della Procura della Repubblica. Il medico deve rispondere del reato di lesioni personali aggravate. L'anziano gli aveva chiesto spiegazioni in merito a una prescrizione medica per una visita ortopedica che doveva eseguire.  I militari dell’Arma hanno acquisito il filmato video che riprendeva l’accaduto e hanno ascoltato a verbale le persone presenti. La denuncia dell’anziano è stata formalizzata ai militari che si sono recati in ospedale dove è stato medicato e poi ricoverato.

  • La vita dopo il lockdown: Italia parzialmente riaperta, come sarà
    Notizie
    Yahoo Notizie

    La vita dopo il lockdown: Italia parzialmente riaperta, come sarà

    Il ritorno alla normalità è ancora lontano, quando il fattore R0 sarà prossimo allo zero il paese riaprirà parzialmente

  • Coronavirus, nonna Lina guarisce a 102 anni e "incontra" Valentino Rossi
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Coronavirus, nonna Lina guarisce a 102 anni e "incontra" Valentino Rossi

    Italica ha vinto la sua battaglia contro il COVID-19 e ha ricevuto la chiamata speciale del suo idolo.

  • Spesa in quarantena: ecco come comportarsi
    Notizie
    notizie.it

    Spesa in quarantena: ecco come comportarsi

    Fare la spesa in piena quarantena sta risultando davvero complicato per tutti. Ecco come comportarsi per evitare possibili contagi.

  • Non rispetta norme anti-epidemia, Corona diffidato dalla Questura
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Non rispetta norme anti-epidemia, Corona diffidato dalla Questura

    Il re dei paparazzi ha ricevuto più volte il suo personal trainer in casa

  • Covid19, scopriamo ora quello che "era nascosto sotto il tappeto"
    Notizie
    Askanews

    Covid19, scopriamo ora quello che "era nascosto sotto il tappeto"

    Nino Cartabellotta ci svela perché siamo ancora su un "altopiano"

  • Ilaria Capua: "Zero possibilità che il virus scompaia in estate"
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Ilaria Capua: "Zero possibilità che il virus scompaia in estate"

    "Questo è un fenomeno di portata epocale. Siamo di fronte ad una emergenza sanitaria, ma non è un tunnel senza fine. Ne usciremo" anche se "saremo tutti diversi"

  • Il virologo: "Mascherine e guanti anche a casa"
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Il virologo: "Mascherine e guanti anche a casa"

    Il virologo aveva già proposto i tamponi diffusi in Veneto, idea che sta dando i suoi frutti

  • L'incubo di una famiglia: "Contagiati ma niente tampone o visite"
    Notizie
    Askanews

    L'incubo di una famiglia: "Contagiati ma niente tampone o visite"

    Un'odissea per il coronavirus in Lombardia

  • Nipote di Bob Kennedy dispersa in mare col figlio
    Notizie
    Adnkronos

    Nipote di Bob Kennedy dispersa in mare col figlio

    Sospese le ricerche della nipote di Robert Kennedy, la 40enne Maeve Kennedy Townsend McKean, e del figlio Gideon di 8 anni. Ieri è stato il governatore del Maryland, Larry Hogan, a dare notizia della tragedia. Si ritiene che madre e figlio siano dispersi da giovedì sera in mare dopo essere saliti su una canoa nella baia di Chesapeake, vicino Annapolis. La Guardia Costiera, che aveva ricevuto la segnalazione di "due persone che cercavano di tornare a riva su una canoa", ha annunciato la fine delle ricerche iniziate giovedì stesso. Secondo le prime notizie madre e figlio erano saliti sulla canoa per recuperare una pallone finito in mare. L'imbarcazione è stata trovata vuota. La Guardia Costiera ha fatto sapere che le ricerche sono state effettuate in mare, via terra e dall'alto su un'area complessiva di 5.887 km per oltre 26 ore di attività. E' stato "fatto di tutto per ritrovarli", hanno detto dal Maryland.

  • Coronavirus, Renzi: lunedì dl Gualtieri, sarà svolta per imprese
    Notizie
    Askanews

    Coronavirus, Renzi: lunedì dl Gualtieri, sarà svolta per imprese

    "Ma garanzia Stato su prestiti banche deve essere al 100%"

  • Amici 2020: chi è Gaia Gozzi, la vincitrice della 19esima edizione del serale
    Notizie
    notizie.it

    Amici 2020: chi è Gaia Gozzi, la vincitrice della 19esima edizione del serale

    Chi è Gaia Gozzi, la vincitrice della diciannovesima edizione del serale di Amici 2020.

  • Verona, aggredisce commesso: voleva guanti per la spesa
    Notizie
    notizie.it

    Verona, aggredisce commesso: voleva guanti per la spesa

    A Verona un uomo ha preso a testate un commesso del negozio, dopo che quest'ultimo ha rifiutato di offrire un paio di guanti per la spesa.

  • Notizie
    AGI

    Maria Sharapova si sente sola e pubblica il suo numero: "Chiamatemi"

    Maria Sharapova si sente sola e così ha deciso di pubblicare il suo numero di telefono. Per restare vicina ai suoi tifosi l'ormai ex tennista russa ha scritto su Instagram la sua utenza (310-564-7981) dove è possibile raggiungerla telefonicamente o via sms. "Mandatemi i vostri messaggi e risponderò a tutti", ha scritto Maria, per tutti Masha, 32 anni nativa di Njagan in Siberia.Sharapova, che resta stella del tennis mondiale inseguita da milioni di fans, circa un mese fa aveva annunciato il ritiro e ora si trova in quarantena domiciliare causa la pandemia di coronavirus. La settimana scorsa Maria aveva tenuto una conference call su Zoom della durata di due ore con 150 tifosi. Quell'esperienza era piaciuta alla vincitrice di cinque Grand Slam (2004 Wimbledon, 2006 US Open, 2008 Australian Open, 2012 e 2014 Open di Francia) e adesso ha pensato di pubblicare sui social il suo numero rendendosi disponibile per domande o semplicemente salutarla. Maria ha aggiunto che "sono ben accette anche fantastiche ricette".

  • Affitta un’ambulanza per spostarsi da Bergamo a Siena: era positiva al Covid-19
    Notizie
    notizie.it

    Affitta un’ambulanza per spostarsi da Bergamo a Siena: era positiva al Covid-19

    Voleva spostarsi da Bergamo e raggiungere l'ospedale di Siena: affitta quindi un'ambulanza, ma era positiva al coronavirus.

  • Borrelli: "Possibile 'fase 2' a metà maggio"
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Borrelli: "Possibile 'fase 2' a metà maggio"

    La cosiddetta "fase 2" di convivenza con il coronavirus potrebbe iniziare a metà maggio, anche se al momento non c'è alcuna certezza. Lo ha spiegato il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli

  • Live – Non è la D’Urso: i cachet degli ospiti
    Notizie
    notizie.it

    Live – Non è la D’Urso: i cachet degli ospiti

    A quanto ammontano i cachet dei controversi ospiti di Live - Non è la D'Urso? L'indiscrezione.

  • Fermato per un controllo sputa in faccia al carabiniere e accoltella l’altro
    Notizie
    notizie.it

    Fermato per un controllo sputa in faccia al carabiniere e accoltella l’altro

    Un uomo viene fermato per un controllo ma sputa in faccia a un carabiniere e accoltella l'altro alla mano: tragedia a Firenze.

  • Notizie
    AGI

    L'Ayatollah iraniano Alireza Arafi scrive a Papa Francesco: "Collaboriamo"

    Un ringraziamento per la sollecitudine mostrata da Papa Francesco per poveri e bisognosi nel tempo della pandemia, e la proposta di "intensificare" la collaborazione e lo scambio di esperienze con le istituzioni cattoliche, in modo da "creare una comunità delle religioni celesti al servizio dell'umanità". Sono questi i messaggi chiave contenuti in una lettera rivolta a Papa Francesco dall'Ayatollah iraniano Alireza Arafi, Rettore dell'Università internazionale Al Mustafa di Qom, a nome del Seminario dell'Iran - di cui è capo - e dei professori della prestigiosa comunità accademica sciita.La sventura della diffusione del coronavirus si legge nella missiva, pervenuta all'Agenzia Fides, "ha causato sofferenze per Paesi e nazioni", turbando anche studiosi e leader religiosi. I maestri religiosi e i loro allievi, a Qom e in tutto l'Iran - scrive l'Ayatollah "invocano misericordia di Dio per chi ha perso la propria vita e guarigione per chi è ammalato", e "esprimono la loro gratitudine per il Papa e per tutti coloro che hanno a cuore i deboli e i bisognosi", sottolineando nel contempo l'importanza di attenersi ai piani delineati a partire dalle raccomandazioni degli esperti e degli scienziati"."Secondo la logica delle religioni rivelate" si legge nel messaggio "i disastri naturali sono fenomeni di allarme che mettono alla prova l'umanità" e rappresentano anche una circostanza in cui "approfondire la propria origine e la possibilità di risorgere" in cui può emergere anche un fecondo spirito di empatia e dedizione. Un approccio corretto a tali accidenti - spiega l'Ayatollah iraniano - deve evitare contrapposizioni menzognere tra scienza e religione, e deve infondere anche nei gruppi dirigenti la sollecitudine a favorire la coesione sociale.Capi religiosi e teologi - nota l'alto esponente sciita - hanno la responsabilità ulteriore di rafforzare le fondamenta della propria fede "proteggere la società da anomalie e contaminazioni, tener presente la forza eterna di Dio Onnipotente, promuovere la preghiera e le suppliche alla presenza di Dio", per affrontare insieme altre altre emergenze contemporanee come "ingiustizia, discriminazione, sanzioni disumane, crisi ambientali, guerra, terrorismo, produzione de strumenti di distruzione di massa".L'Ayatollah Alireza Arafi aggiunge con orgoglio che in Iran "in questi giorni siamo stati testimoni di indescrivibili manifestazioni di solidarietà popolare e di mobilitazione volontaria" che ha unito istituzioni governative e persone di tutti i gruppi religiosi, e ha visto in prima fila infermieri, dottori, studenti, èlite accademiche e tanti giovani, "sotto la guida dei leader supremi della Rivoluzione Islamica", e conclude annunciando che il Seminario e i suoi professori, studiosi e studenti sono pronti a intensificare lo scambio scientifico, culturale e le esperienze di reciproco sostegno, aprendo un nuovo capitolo di collaborazione "in special mondo le istituzioni cattoliche", in modo da formare una " comunità delle religioni rivelate al servizio dell'umanità".

  • Milano, da lunedì aumenteranno controlli con 180 vigili in più
    Notizie
    Askanews

    Milano, da lunedì aumenteranno controlli con 180 vigili in più

    "La bella stagione non deve indurre a uscire di più"

  • Emergenza coronavirus, donazione dei migranti di Parma agli ospedali
    Notizie
    notizie.it

    Emergenza coronavirus, donazione dei migranti di Parma agli ospedali

    Un gruppo di migranti togolesi della onlus Svoltare ha deciso di fare una donazione a sostegno degli ospedali

  • Omicidio Sarah Scazzi, oggi avrebbe compiuto 25 anni
    Notizie
    notizie.it

    Omicidio Sarah Scazzi, oggi avrebbe compiuto 25 anni

    Uccisa a soli 15 anni ad Avetrana, nell'estate del 2010, oggi Sarah Scazzi avrebbe compiuto 25 anni.

  • Notizie
    AGI

    Il governo britannico valuta ancora l'immunità di gregge

    L'immunità di gregge non sembra ancora pienamente esclusa dai piani del governo britannico per fronteggiare la pandemia di Covid-19 che finora ha fatto 4.313 morti e 42 mila casi accertati di contagio. In un'intervista al Times, un consulente senior di Downing Street sostiene che con il confinamento abbia stretto la Gran Bretagna in un angolo senza una chiara strategia di uscita e che serve riconsiderare l'immunità di gregge. "Un blocco prolungato rischia di causare più sofferenza del virus stesso", ha ammonito Graham Medley, studioso di modelli pandemici per il governo. Sostiene che il Paese abbia dovuto affrontare il compromesso di scegliere tra chi danneggiare tra giovani e anziani. Medley, professore di modellistica delle malattie infettive alla London School of Hygiene and Tropical Medicine e membro del principale ente scientifico che sta guidando la risposta del governo, ha dichiarato al Times che la Gran Bretagna deve prendere in considerazione la possibilità di consentire alle persone di essere contagiate dal virus nel modo meno fatale possibile piuttosto che lasciare che la disoccupazione, la violenza domestica e la malattia mentale aumentino indefinitamente. Secondo i suoi modelli, permettere alle persone di tornare al lavoro o riaprire le scuole farà di nuovo decollare i contagi e non vi è modo di allentare il blocco controllando il virus. "Questa malattia è così brutta che abbiamo dovuto sopprimerla completamente", ha spiegato. "Allora ci siamo in qualche modo chiusi in un angolo, perché la domanda è cosa facciamo adesso, dopo tre settimane di blocco?". ​ Medley sostiene che "le misure di contenimento causano danni". "Il principale è economico, e non intendo l'economia in generale, intendo i redditi delle persone che dipendono da un flusso continuo di denaro e dei loro figli, in particolare l'aspetto della chiusura della scuola. Ci saranno anche danni reali in termini di salute mentale, in termini di violenza domestica e abusi sui minori, e in termini di povertà alimentare", ha aggiunto.Prima che il sistema sanitario britannico venisse travolto dallo tsunami della pandemia, la teoria dell'immunità di gregge aveva convinto che il premier, Boris Johnson \- ora positivo anche lui - secondo cui era inutile chiudere tutto. Il suo super consigliere, Sir Patrick Vallance, era convinto che in assenza di un programma di vaccinazioni di massa, affinché la popolazione del Regno Unito ottenga l'immunità di gregge, un numero sufficiente di persone dovrà contrarre il virus e guarire. Così le persone dovrebbero quindi avere molte meno probabilità di contrarre il virus - e meno probabilità di diffonderlo - rispetto a prima.Per raggiungere l'immunità di gregge serve è necessario il contagio del 60% della popolazione: su 66,4 milioni di abitanti, significa che circa 40 milioni di persone. I dati finora disponibili suggeriscono che 32 milioni, o l'80%, di loro avrebbe sintomi lievi; ma circa otto milioni di persone potrebbero diventare casi gravi o critici e necessitare di cure in ospedale. Inoltre, con una mortalità dell'1% i decessi sarebbero di 400 mila.

  • Trump: "Consigliato uso di mascherina, io non la metterò"
    Notizie
    Adnkronos

    Trump: "Consigliato uso di mascherina, io non la metterò"

    "Il contagio da soggetti asintomatici è rilevante. I Centers for Disease Control and Prevention consigliano l'uso di mascherine non chirurgiche, è su base volontaria. Io non credo che lo farò". Sono le parole di Donald Trump nel briefing quotidiano alla Casa Bianca. "Le mascherine chirurgiche servono agli operatori sanitari. L'uso di mascherine è su base volontaria, potete decidere di farlo o no. Io sceglierò probabilmente di non farlo. E' solo una raccomandazione, su base volontaria", ripete il presidente, aggiungendo che rimangono in vigore le indicazioni relative alle misure di distanziamento sociale. "Io non lo farò, magari poi cambierò idea. Ma mi sento bene... E' una raccomandazione... Non è indicata per presidenti, primi ministri, dittatori, re, regine... Non so, non mi ci vedo...". Tocca ai singoli stati, dice il presidente rispondendo ad una domanda, decidere le misure restrittive e disporre lo 'stay at home': "Decidono i governatori, stato per stato". Trump ribadisce che non ha intenzione di bloccare l'invio di materiale ad altri paesi, nonostante anche gli Stati Uniti abbiano bisogno di ingenti quantità di dispositivi di protezione e di macchinari per affrontare l'emergenza. "Se Italia, Spagna e Francia hanno fatto ordini da tempo e stanno aspettando ad esempio mascherine, non fermerò" la spedizione. "Sarebbe molto scorretto".