Messico, la mappa dei cartelli che dominano il mercato della droga

Bea

Roma, 5 nov. (askanews) - Le sanguinose guerre della droga messicane causano migliaia di vittime ogni anno: ultimo episodio l'orrendo e misterioso massacro di una famiglia di mormoni americani, almeno nove tra cui sei bambini, nel nord del paese, dopo il quale il presidente Usa Donald Trump ha chiesto di fare la guerra ai cartelli. Ecco quali sono i più potenti e sanguinari.

- Il cartello di Sinaloa Territorio: gran parte del nordovest messicano. Il governo Usa ha descritto il cartello di Sinaloa come la più grande organizzazione per il traffico di droga nel mondo. Fondata alla fine degli anni Ottanta, è stata a lungo guidata dal notissimo Joaquín "El Chapo" Guzmán. "El Chapo" un tempo era considerato uno degli uomini più ricchi del mondo. La sua vita e il suo impero del traffico di droga sono stati oggetto di numerosi libri, film e serie televisive.

Sotto la sua leadership, il cartello ha guadagnato una robusta reputazione di violenza estrema e ha combattuto e vinto contro vari gruppi rivali. I cartelli messicani spesso combattono tra di loro, ma possono anche formare alleanze strategiche. Durante il lungo regno del Chapo il cartello di Sinaloa è diventato il principale fornitore di droga agli Usa. (Segue)