Messina: madre e figlia impiccate, parroco 'Comunità si interroghi su possibili omissioni'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 30 mag. (Adnkronos) – "In base alla dichiarazione frettolosamente rilasciata, dichiaro di non essere a conoscenza delle relazioni della ragazza all'interno della scuola. Resta la tragicità dell'evento che lascia tutti increduli e sgomenti a partire dai propri compagni e dagli educatori che hanno condiviso con lei la vita scolastica fino alla mattina del giorno precedente in cui è stato compiuto l'estremo gesto ignari della tragedia che andava maturando". Lo ha detto don Calogero Calanni, parroco di Santo Stefano di Camastra (Messina), tornando a parlare della morte di Mariolina Nigrelli, 40 anni e della figlia di Alessandra 14 anni, trovate morte impiccate ad una trave nella loro casa in campagna alla periferia di Santo Stefano di Camastra. "La Comunità si interroga su possibili omissioni nei confronti di chi vive estreme situazioni di disagio che sfociano in vicende e decisioni drammatiche – dice – Ci auguriamo di essere sempre più attenti a chi ci sta accanto per prevenire episodi che sfociano, purtroppo, in tragedie. Più che lo stupore per l'accaduto ci dobbiamo porre il problema di ciò che ciascuno può fare perché simili gesti non si ripetano più".