Messina: pastificio bio fantasma e fatture false per 21 mln di euro, undici indagati (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Più in particolare, le indagini degli specialisti economico-finanziari della Tenenza di Patti hanno evidenziato, a valle di complessi accertamenti contabili e riscontri sul campo, come i rapporti economici risultassero connotati da "evidenti profili di anomalia": opere edili mai realizzate, falsi preventivi di spesa, macchinari mai acquistati, "il tutto costruito per indurre in errore gli istituti di credito eroganti", dicono le Fiamme gialle. Solo sulla carta i quattro progetti d’investimento, per un importo totale pari a oltre un milione di euro, avrebbero dovuto essere destinati alla realizzazione di pasta bio di elevata qualità, prevedendo anche la ristrutturazione, poi rivelatasi fantasma, di un opificio industriale in provincia di Enna, prevedendo la digitalizzazione dell’azienda e l’introduzione di sofisticati e moderni macchinari, nella realtà mai acquistati dalla capofila. Durante l'ispezione nel presunto stabilimento non è stata trovata alcuna pasta bio, di cui peraltro non risultava essere mai stata avviata la produzione, ma "un'imponente presenza di ratti, segno tangibile di un completo stato di abbandono".

Le indagini hanno permesso di appurare, da un lato, l’assenza di qualsiasi profilo imprenditoriale da parte degli amministratori di diritto, alcuni anche con precedenti penali e di polizia, dall’altro, l’inesistenza delle sedi delle società emittenti/riceventi la documentazione commerciale, in quanto sprovviste di reale struttura logistica/aziendale, alcune totalmente prive di dipendenti a fronte di fatturati significativi, in molti casi mere domiciliazioni riportanti solo il nominativo della società, addirittura senza conto corrente aziendale, "così riconducendo la direzione delle medesime a classiche 'teste di legno' – dicono gli investigatori -, prestanomi che, allettati dai facili guadagni e dalla promessa di immediati vantaggi, tra cui automobili e somme in denaro, si rendevano disponibili ad assecondare l’organizzazione oggi repressa, di qui il loro considerarsi partecipi dell’associazione investigata". Un giro vorticoso e milionario di documentazione falsa, pari a ben 21 milioni di euro tra fatture false emesse e ricevute e che solo una meticolosa analisi della documentazione contabile delle società coinvolte ha consentito di ricostruire nel dettaglio. Le Fiamme Gialle di Patti hanno eseguito anche mirate ispezioni fiscali che, oltre a portare alla tassazione dei proventi illeciti quantificati in oltre un milione di euro, riferibili all’importo totale del contributo frodato, hanno consentito di segnalare all’Agenzia delle entrate di Messina e alla Procura di Patti importanti valori frutto di evasione fiscale, per oltre 4 milioni tra Iva e Irap. Gli indagati, tramite le società coinvolte, si sono resi responsabili di più ipotesi di commissione, "in maniera sistematica e reiterata", di svariati illeciti penal-tributari, dall’occultamento e distruzione di scritture contabili all’omessa presentazione delle dichiarazioni dei redditi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli