Messina: visite specialistiche a pagamento in reparto, sospeso medico accusato di peculato

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 9 set. (Adnkronos) – La misura interdittiva dall'esercizio della professione medica per un anno è stata notificata dai Finanzieri del Comando provinciale di Messina a Francesco Mastroeni, primario di Urologia dell'ospedale Papardo di Messina. Il medico è accusato di peculato. Attraverso acquisizioni di documenti, pedinamenti, intercettazioni e ricostruzioni contabili, effettuate dagli specialisti in materia di spesa pubblica del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, è emerso che il noto professionista messinese, legato all'azienda sanitaria da un contratto che prevedeva un rapporto di esclusività, eseguiva visite specialistiche all'interno del suo reparto, richiedendo e ricevendo, da un significativo numero di pazienti, il pagamento in contanti, di conseguenza omettendo di rilasciare ricevute fiscali e di versare all'azienda sanitaria la percentuale dovuta per l'attivita' intramoenia che svolgeva.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli