Messner: "Difficile convincere no vax 'tedeschi'. Un altro inverno senza turismo sarebbe una tragedia"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Leonardo Cendamo via Getty Images)
(Photo: Leonardo Cendamo via Getty Images)

“Non ho mai capito né capisco l’opposizione all’unica arma che abbiamo contro questo virus”. Così, in un’intervista al Messaggero, l’alpinista ed ex parlamentare europeo Reinhold Messner che racconta di aver già fatto la terza dose. “Spero di aver convinto molte persone a fare come me”.

“I dati sulle vaccinazioni da noi sono sovrapponibili a quelli della Germania e dell’Austria. E non a quelli dell’Italia. Un quadro che ci fa riflettere” sottolinea. Per Messner le zone della sua terra in cui i No vax sono più forti sono “quelle contadine e le valli alpine. Dove abitano quasi esclusivamente persone di madrelingua tedesca”. E sottolinea: “Il loro no al vaccino ha le stesse motivazioni avanzate dagli italiani o i francesi. Ma, in alcune situazioni, come questa, possono rifiutarsi in modo duro, profondo, irriducibile. E’ difficile convincerli e, in qualche caso, possono diventare anche violenti”.

Mentre sulla stagione turistica in Alto Adige sottolinea: “Sono molto preoccupato un altro inverno senza sci e senza turismo per la mia terra e la mia gente sarebbe una vera tragedia”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli